Web & Social » Social Media

LinkedIn va a scuola da Facebook e Twitter

Il mondo dei social network è affollato e ci accompagna in molti momenti della nostra vita. Certo ce ne sono di tanti tipi, e soprattutto con tanti diversi scopi.

Facebook domina ed è la piattaforma principale per mantenere i contatti con gli amici e conoscere persone condividendo pensieri e idee. Flickr è il numero uno per gli appassionati di fotografia. Twitter è il più usato da chi ama la rapidità e la concisione, oltre a voler rimanere costantemente aggiornato sulle ultimissime news. Jumo è nato per chi ha a cuore le tematiche sociali e vuole conoscerle e partecipare attivamente. E poi c’è LinkedIn, un servizio orientato al business e ai contatti di lavoro, molto utilizzato dai professionisti.

Proprio a proposito di quest’ultimo, forse il meno noto tra i giovani navigatori, pare ci siano novità. Intanto capiamo cos’è. Lo scopo principale di LinkedIn è far “costruire” agli utenti registrati una lista di persone conosciute – e ritenute affidabili – in ambito lavorativo. Il proprio profilo comprende, quindi, informazioni relative al percorso di studi e a quello professionale; per certi versi quasi un curriculum vitae online, aggiornabile costantemente e – nello stesso tempo – un valido sostituto del tradizionale raccoglitore dove conservare i biglietti da visita di tutte le persone conosciute. Forse più network che social, ma senza dubbio utilissimo.

Ora però, quasi come un cugino un po’ invidioso della fama e del successo di Facebook e Twitter, LinkedIn vuole provare a “copiarne” le feature di successo, facendo proprio uno dei loro punti di forza. Quale? Il bottone Share. Per i meno esperti, questo tasto altro non è che il Condividi, che dà la possibilità agli utenti di diffondere i propri contenuti e di condividerli in maniera molto semplice con tutta la propria rete professionale.

Quasi ogni contenuto in rete, ormai, non può prescindere dai “bottoni social” che – una volta cliccati – segnalano il link sulla propria pagina Facebook e Twitter. Il professional network vuole quindi fare altrettanto, aggiungendo il proprio pulsante. Darà la possibilità agli utenti possessori di un sito o un blog di scegliere tra tre diversi layout: una versione verticale con contatore, una versione orizzontale (più piccola) con contatore e un tasto orizzontale senza contatore. Con un semplice “copia e incolla” del codice presente sulla main page di Linkedin si potrà così importare il bottone scelto accanto ai propri testi.

Già nei mesi scorsi erano state aggiunte nuove opzioni che rendevano più semplice e intuitivo allegare link agli aggiornamenti di status e modificare in modo semplice i post.

L’idea è sicuramente utile e porterà un valore aggiunto allo scambio di idee e informazioni professionali del popolo di LinkedIn. Vedremo quanti troveranno ancora spazio disponibile tra “f”, passerotti blu e quant’altro, per aggiungere il bottone “in”.

Commenti (1)
Questo articolo è stato pubblicato lunedì 06/12/10 alle ore 09:00 e classificato in Web & Social » Social Media . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

domenica 26 marzo 2017 03:34

  • Archivi