Mondo Vodafone » inFamiglia

Se il bimbo è allergico al violino

È provato come l’apprendimento della musica da parte dei bambini abbia effetti molto positivi sulla qualità dello sviluppo intellettivo.

Meno scientificamente, ma con tutta evidenza, alcuni genitori provano a introdurre il tema con le tradizionali lezioni di violino o di pianoforte, incontrando però ben poca ricettività da parte dei piccoli.

Non è provato che l’insegnamento musicale non accettato, noioso e imposto sia dannoso per l’apprendimento. Tuttavia mi azzardo a sostenere che, nei giusti limiti, un bambino che non sopporta le lezioni di piano non dovrebbe prenderle. Perlomeno non nel modo in cui lo si fa tradizionalmente.

I percorsi musicali sono innumerevoli e non è detto che il cucciolo debba per forza passare da Mozart, magari solo perché le lezioni hanno un costo elevato e allora si autogiustificano (con tutto quello che spendo per farti studiare…).

Perché non considerare un approccio più giocoso e anche molto più economico, con l’ingresso in casa di una tastiera musicale Midi da collegare al computer?

Senza il computer, una Midi è inutile e per questo ha costi molto accessibili, anche sotto i cento euro. Collegata al computer, però, scatena tutto il potenziale musicale del computer stesso, che sappiamo infinito o quasi.

Attraverso la tastiera si può così suonare qualsiasi strumento musicale, sintetizzato dal computer. I programmi di editing audio presenti nei sistemi operativi al momento dell’installazione consentono anche di costruire pezzi mettendo insieme brani di audio, nostri originali o campionamenti su disco piuttosto che in arrivo da Internet, esattamente come dal girato delle vacanze si può realizzare un cortometraggio con tanto di titoli di coda ed effetti speciali.

E quando non è più il momento di giocare, diversamente da un pianoforte, la tastiera si può riporre in spazi ridottissimi.

Su Internet si trovano anche siti che erogano lezioni e consigli per suonare e imparare a suonare, a basso prezzo e persino gratis.

Forse l’inappetente al violino è solo meno precoce di quello che crediamo e un’attività ugualmente musicale, ma più giocosa, potrebbe risultare ottima per avviarlo alla musica con soddisfazione generale.

Come sempre in questi casi, potrebbe essere la volta buona che perfino il genitore riprenda in mano la vecchia passione, o assieme al piccolo decida di provare a imparare anche lui un po’ di musica. Quando si fa una cosa assieme ai ragazzi sussiste sempre il “rischio” positivo del due al prezzo di uno.

goedelfan è uno degli esperti di inFamiglia. Scopri cos’è inFamiglia e aiutaci ad arricchirlo.

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato martedì 03/05/11 alle ore 15:00 e classificato in Mondo Vodafone » inFamiglia . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

domenica 30 aprile 2017 14:58

  • Archivi