Mondo Vodafone » inFamiglia

Inestetismi digitali offline

Non ho ancora deciso se è il caso di pubblicare foto di minori in Rete (ci vorrebbe inFamiglia ;-) , altrimenti quella che ho scattato ai miei figli ieri sera in salotto quando sono tornata dall’ufficio starebbe qui con la didascalia “sine verba” al posto di questo post.

Adesso provo a descrivere.

Il nostro salotto ha due divani messi a elle. Su quello a due posti siede mia figlia di 14 anni, pc appoggiato sul bracciolo, gambe ripiegate sotto al sedere, riflesso blu dello schermo sulla faccia che rende la sua pelle ancora più spettrale.

Sopra di lei c’è una lampada alogena, che era spenta ma ora è accesa perchè sono arrivata io e ho esordito con un tagliente “ma come fate a vederci?” andando dritta ad accenderla.

Ci vedevano benissimo, loro, con tutti quegli schermi e schermini che illuminavano.

Loro, perchè, sull’altro divano a tre posti, siedono i fratelli gemelli di Marta, 11 anni.

È un fatto stranissimo come spesso io li colga in posizioni esattamente simmetriche e, nonostante l’abitudine alle loro identiche fisionomie, ogni volta faccia un sussulto.

Nella fattispecie Giacomo è stravaccato con la schiena contro lo schienale, le spalle storte, i piedi nudi intrecciati sul cuscino in una postura che mi fa pensare: se la vedesse la mia pediatra chiamerebbe i servizi sociali all’istante. Fissa l’Iphone del papà senza battere ciglio e ho quasi il sospetto che la sua lacrimazione  equivalga a quella dei Rockets nella loro migliore interpretazione di Galactica (non sapete chi sono i Rockets? non sentitevi in colpa, sono io che ho la mia età, ormai).

Davide gli sta di fianco, opposto, anche lui con una postura dell’orrore, riverso sul Nintendo. Ondeggia in modo inquietante avanti e indietro e da destra a sinistra, con i gomiti perfettamente stabilizzati sulle cosce.

Sulla chaise longue opposta ai divani sta accovacciata Trilli, il nostro gatto nero, anche lei con gli occhi fissi, ma nel vuoto (mi viene da ridere pensando che sia perché non abbiamo un device per lei in casa).

Regna un silenzio di tomba.

In altre circostanze mi sarei accasciata a terra in ginocchio a ringraziare Iddio per questa benedizione di silenzio inaspettata, ma ieri sera no. Mi ha invaso all’istante un fastidio appiccicoso che dagli occhi si è propagato come su carta assorbente ai capelli e alle mani.

La scena che avevo davanti era così antiestetica da essere imbarazzante. Mi sono sentita in imbarazzo per loro, così estranei e automi, e in imbarazzo per me stessa, responsabile, in colpa di tanta bruttura.

Mi sono seduta vicino al gatto, unico essere respirante a cui mi sentivo in quel momento più o meno simile, e ho fatto due respiri, guardandoli.

Per indole sono portata ad accendermi con una facilità anche quella assai imbarazzante, ma diciamo che a 44 anni sto imparando a mediare, a lasciare, diciamo, il diavoletto cattivo sulla spalla destra confrontarsi con l’angioletto buono sulla sinistra. Non sono ancora a regime, ma almeno due minuti riesco a darglieli.

In quei minuti penso che Marta ha passato il pomeriggio a sbadilare escrementi e a spazzolare bestie nel maneggio del paese in cui abitiamo, volontaria appassionata fin nelle viscere di cavalli.

Giacomo e Davide hanno corso su e giù e giocato come matti con i loro amichetti all’oratorio estivo che, grazie grazie, mi salva dalla fine della scuola alle ferie aziendali.

Mi dico che, nell’economia della giornata, hanno tutto il diritto a un po’ di cervello vacuo, nel senso di non occupato da alcuna materia, vagabondo.

E mi verso un bicchiere di vino bianco, ghiacciato.

lavale3 è uno degli esperti di inFamiglia. Scopri cos’è inFamiglia e aiutaci ad arricchirlo.

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato lunedì 11/07/11 alle ore 15:00 e classificato in Mondo Vodafone » inFamiglia . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

martedì 26 settembre 2017 23:53

  • Archivi