Web & Social » Novità dal Web

Wikipedia ufficialmente online dopo l’accordo salva-blog

L’autocensura messa in atto da Wikipedia ha provocato un’enorme risonanza mediatica, coinvolgendo cittadini, enti, associazioni e focalizzando l’attenzione anche di personalità politiche pronte a rivedere il comma 29 del Disegno di Legge Intercettazioni.

L’altro ieri in Commissione Giustizia della Camera è stato trovato l’accordo salva-blog, approvato all’unanimità. L’obbligo di rettifica è stato richiesto esclusivamente per le testate giornalistiche registrate, esonerando siti amatoriali che potrebbero essere sanzionati con multe.
E nel pomeriggio di ieri Wikipedia in lingua italiana ha deciso di riaprire provvisoriamente.

A tale riguardo abbiamo sentito il parere di Andrea Marini, Responsabile Competition & Assurance Legal Affairs di Vodafone Italia:

Cosa ne pensi della vicenda Wikipedia?
“Colpisce innanzitutto la clamorosa iniziativa di Wikipedia, che mostra un certo livello di autoconsapevolezza di chi gestisce questo importante protagonista della rete e l’intento di esprimere la propria posizione in modo così forte. Tanto forte che, cavalcandola, il “ popolo della rete” ancora una volta  riesce a orientare scelte importanti del decisore politico in modo più efficace di quanto riesca la stessa dialettica politico-parlamentare, ed in modo più diretto rispetto a quanto accadeva nel processo di formazione dell’opinione pubblica attraverso i media tradizionali.”

Possiamo considerare gli emendamenti definitivi?
“Viste le premesse, al termine dell’iter legislativo di questo disegno di legge francamente non mi aspetto ulteriori cambi di rotta sul punto specifico”.

In futuro potrebbero presentarsi altre questioni similari?
“Questo è certo. Sono in ballo questioni delicatissime, che superano le frontiere dei diritti tradizionali e si inseriscono in un ecosistema completamente nuovo. Al momento sembra prevalere – certamente questo succede a livello mediatico – la forza di chi afferma un principio assoluto di libertà di espressione e di “neutralità” di Internet rispetto ai contenuti immessi in rete. Ma non escludo che nel corso del tempo emergano anche i rischi del “far web”, e, come sempre succede, si tratterà di trovare un ragionevole bilanciamento fra diritti, che non snaturi né metta radicalmente in discussione i nuovi strumenti di informazione. Si conoscono già diversi tentativi in questa direzione, ad esempio nel campo delle garanzie del copyright, certamente un interesse degno di protezione anche nel mondo di internet. Non so predire come finirà, ma ho l’impressione che una maggiore consapevolezza di tutti gli interessi in discussione sarebbe auspicabile da parte di tutti, soprattutto da parte di coloro che tendono a guardare a queste tematiche un po’ a senso unico.”

Grande soddisfazione per il popolo del web che è riuscito a esprimere la sua opinione e soprattutto a farsi ascoltare. Restiamo in rete… senza perdere di vista questa delicata questione.

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato venerdì 07/10/11 alle ore 10:45 e classificato in Web & Social » Novità dal Web . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

mercoledì 26 aprile 2017 19:42

  • Archivi