Mondo Vodafone » inFamiglia

I pedofili sono a un click dai nostri figli? Proteggere i bambini senza limitare le opportunità della maggioranza

“I pedofili sono a un click dai nostri figli” è uno spot del Moige, il Movimento Italiano Genitori per il contrasto della pedofilia e della pedopornografia online.

Guadate questo video.

 

Il mood è allarmante, adatto a far scattare i sensi di colpa nei genitori distratti che abbandonano i figli minori e adolescenti davanti al computer.D’altra parte anche i numeri della Polizia Postale relativi alle indagini sulla pedofilia online confermano un fenomeno in crescita: “Solo nei primi nove mesi di quest’anno 2011 sono stati registrati 39 arresti, 685 denunce, effettuate 554 perquisizioni, e attualmente sono in corso circa 16.141 controlli e osservazioni.”

Per completare il quadro aggiungiamo che una ricerca di Swg per il Moige spiega che sette minori su dieci navigano in internet quotidianamente e che il tempo medio di fruizione del computer è di 52 minuti al giorno. Dai dati è emerso anche che sei genitori su dieci non nascondono una forte preoccupazione per i figli, temendo la pedofilia, gli incontri pericolosi, la pornografia e la perdita di contatto con la realtà.

Sono dati che ovviamente preoccupano e spaventano. Come al solito però dicono poco circa il fenomeno di cui stiamo parlando: di quali casi parliamo? Quanti bambini vengono molestati online? Che storie abbiamo dietro? Il dato senza la qualità del racconto sul dato rischia di creare narrazioni che pensiamo utili e che, alla fine, non aiutano a mettere a fuoco il problema. Posto che l’attenzione da parte degli adulti per questa realtà debba essere altissima e che non possiamo permetterci di sminuire il problema, dobbiamo anche costruire il racconto giusto, se no quello che ci resta in mano è uno dei miti che abbiamo creato su bambini e adolescenti online: “Le persone che incontri su Internet sono degli sconosciuti”.

Questo è uno dei “miti” che il report finale della ricerca EuKids Online, il più grande studio comparativo europeo sui bambini/adolescenti, smonta:

“La maggior parte (87%) degli 11-16 anni sono in contatto online con persone che conoscono faccia-a-faccia. Quattro su dieci hanno contatti online con persone che incontrano online ma che sono connesse con i loro amici o la loro famiglia. Un quarto sono in contatto con persone non connesse direttamente alla loro cerchia sociale e il 9% incontra online qualcuno che ha prima incontrato online. Pochi vanno non accompagnati o incontrano qualcuno più vecchio di loro e solo l’1% ha un’esperienza negativa. La sfida è quella di proteggere i bambini da rari ma dannosi eventi senza limitare le opportunità della maggioranza.”

Io sono preoccupato per quell’1%, perché dietro le percentuali anche minime ci sono vite da salvaguardare, storie di bambini da preservare. Ma mi preoccupa anche un racconto fuori fuoco che rischia di creare un allarme sociale per far diventare responsabili genitori disattenti e non curanti delle vite online (ma non solo) dei propri figli.

Per questo ritengo, invece, importante un’iniziativa promossa dal Moige assieme ad altri partner, “Per un web sicuro”. Nata con l’obiettivo di fornire a ragazzi, genitori e insegnanti tutte le informazioni necessarie per un corretto e responsabile uso della rete, la campagna di prevenzione coinvolgerà 30 scuole medie in 5 regioni italiane (Lazio, Lombardia, Piemonte, Campania, Puglia) con la partecipazione di oltre 10.000 studenti e 21.000 adulti fra genitori e docenti.

Parlare con i ragazzi e con i loro genitori, in orario scolastico e dopo la scuola, dei comportamenti da tenere sul web significa considerare un tema rilevante quello dell’abitare spazi online e trasforma la paura in cultura ed educazione. Questa narrazione non ha bisogno da essere alimentata dagli spettri del video che avete visto in apertura ma necessita di un respiro comune e responsabile più ampio: per proteggere i bambini senza limitare le opportunità della maggioranza.

gboccia è uno degli esperti di inFamiglia. Scopri cos’è inFamiglia e aiutaci ad arricchirlo.

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato mercoledì 02/11/11 alle ore 16:00 e classificato in Mondo Vodafone » inFamiglia . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

mercoledì 26 aprile 2017 23:24

  • Archivi