Web & Social » Novità dal Web

Cool IT, la classifica green del settore high-tech

Anche quest’anno Greenpeace ha stilato la classifica Cool IT che premia le aziende del settore high-tech in base all’impegno per il sostegno e le politiche di salvaguardia del clima. Google risulta la realtà IT più green in assoluto, seguita da Cisco ed Ericsson. Il colosso di Mountain View ha dimostrato forte interesse per la tematica ambientale impegnandosi sia negli Stati Uniti a favore dell’energia pulita, che in Europa per l’innalzamento dei target sulla riduzione dei gas serra dal 20% al 30% entro il 2020.

L’associazione ambientalista ha valutato in tutto 21 aziende secondo tre parametri relativi alle politiche di approvvigionamento energetico e di efficienza, disponibilità a sviluppare soluzioni per ridurre l’impronta energetica e promozione delle fonti pulite. Dal report emerge che Google e Cisco, insieme a Dell (che occupa la dodicesima posizione) sono riuscite a rifornire, a livello globale, le loro infrastrutture con il 20% di energia da fonti rinnovabili. Mentre Softbank, azienda giapponese di telecomunicazioni, in seguito al disastro di Fukushima, ha abbandonato l’energia nucleare, sostenendo l’uso di fonti pulite e sicure. Al quarto posto troviamo Fujitsu che, attraverso lo sviluppo di ricerche e studi condotti secondo una metodologia trasparente, mira a fornire soluzioni ICT con l’obiettivo di ridurre emissioni. Inoltre lo scorso anno l’azienda ha realizzato Ecocalc, strumento che calcola l’impatto ambientale. New entry della quinta edizione di Cool IT Vodafone che si piazza in quinta posizione con il punteggio più alto tra gli operatori di telefonia. Attenta al risparmio energetico, ha compiuto numerosi studi dettagliati per soluzioni ICT e ha come obiettivo la riduzione delle emissioni di gas del 50% entro il 2020. Inoltre è l’unica azienda in classifica, insieme a Google, ad aver apertamente sostenuto la proposta EU di ridurre i consumi del 30%  entro il 2020.

Di seguito la lista completa: 1 Google, 2 Cisco, 3 Ericsson, 4 Fujitsu, 5 Vodafone, 6 Alcatel-Lucent, 7 Sharp, 8 Softbank, 9 IBM, 10 HP, 11 Wipro, 12 Dell, 13 Microsoft, 14 SAP, 15 at&t, 16 HCL, 17 NTT, 18 NEC, 19 Telefonica, 20 TCS, 21 Oracle. Salta all’occhio l’assenza in classifica di due giganti dell’IT, quali Apple e Facebook. Pare infatti che nonstante gli introiti da record, la Mela non sia particolarmente sensibile ai temi ecologisti e che comunque non abbia adottato soluzioni già utilizzate da altre aziende. Per quanto riguarda il social di Palo Alto si prospetta l’inserimento all’interno della lista della prossima edizione, in seguito all’impegno mostrato in difesa del clima con la campagna di Greenpeace Unfriend Coal e la scelta di datacenter a impatto zero.

 

 

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato lunedì 13/02/12 alle ore 13:30 e classificato in Web & Social » Novità dal Web . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

giovedì 23 ottobre 2014 00:20

  • Archivi