Mondo Vodafone » inFamiglia

Per i bambini è tutto nuovo

No, non commetterò l’errore iperreattivo di beatificare le nuove tecnologie comunicative soltanto perché troppi le demonizzano. Però il fatto che questi troppi siano –guardateli- immancabilmente pedanti, beh, dovrebbe davvero dirci qualcosa. Si chiama evoluzione, inutile far tante storie: l’evoluzione è sempre stata la conquista di qualcosa di più grande attraverso la perdita di qualcosa di più vecchio. Invece che alzare il dito ammonitore contro i pericoli e gli effetti collaterali del web e di Facebook (che ci sono, sia chiaro), diteci piuttosto come possiamo –innanzitutto i bambini- giocarci le maestose opportunità che ci ritroviamo fra le mani. Alla fine tutte le analisi che ci spiegano perché il mondo è brutto e cattivo possono anche aver ragione: ma non ci aiutano a rendere il mondo meno brutto e cattivo, tanto più quando questo mondo ci propone possibilità di scelta senza precedenti.
Si tratti di tecnologie o di qualunque altra cosa, i bambini li si prepara non mettendoli in guardia ma potenziandoli, alimentandone non il pensiero critico ma innanzitutto il potere di creazione, la loro autostima. Ad affrontare i pericoli del mondo è più attrezzato non chi lo vede con timore e ostilità, ma chi ha più forte senso di sé, più confidenza. Mettiamoci in mente che per i bambini l’iPhone è come un libro o come il lego: per loro sono tutti nuovi. Anzi, la loro assoluta disinvoltura nel relazionarsi con le nuove tecnologie ci racconta inequivocabilmente che a essere in difficoltà sono soltanto le menti intrappolate dentro schemi utili ormai come un paio di scarpe strette.
Sì, la mente orizzontale e connettiva dei bambini nati in questi anni sarà inevitabilmente anche più dispersiva. Sì, non possiamo lasciarli volare senza una qualche rete di protezione. Ma meno ancora possiamo pretendere di farli pensare e vivere come si faceva prima che le nuove tecnologie di comunicazione mutassero per sempre le nostre stesse forme di percezione e di conoscenza, e i linguaggi, e gli stessi gesti quotidiani. È orientandone gli slanci e l’eccitazione, non spingendoli alla diffidenza e al disincanto, che nutriamo davvero tanto i bambini quanto l’evoluzione.

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato giovedì 22/03/12 alle ore 15:00 e classificato in Mondo Vodafone » inFamiglia . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

mercoledì 22 marzo 2017 23:11

  • Archivi