Web & Social » Novità dal Web

Il Regno Unito pensa a maggiori controlli online: la rete protesta

Il Governo inglese sta pensando di far approvare una nuova legge che consentirà all’Intelligence di controllare la posta elettronica, il traffico web, l’attività sui social network e alcuni dati correlati alle telefonate dei propri cittadini. Insomma, secondo le associazioni per i diritti civili si tratterebbe di un vero e proprio incubo orwelliano .

Secondo quanto riportato in rete si parla di una normativa che costringerà provider e operatori TLC a fornire dati sensibili alle forze di polizia per consentire “analisi in tempo reale”. Solo il contenuto delle intercettazioni rimarrebbe riservato: per accedervi vi sarà bisogno dell’ordine del giudice.

In pratica saranno monitorati i flussi delle comunicazioni e, in presenza di anomalie, la macchina investigativa sarà in grado di intervenire con maggiore celerità. Il Regno Unito con questa novità diventerebbe uno dei paesi occidentali più controllati, in barba a una tradizione garantista che per altro nel tempo ha sollevato non pochi dibattiti. Bisogna infatti ricordare che Oltremanica non si è costretti neanche ad avere un documento di identità personale.

L’opinione pubblica è perplessa. Da una parte è ormai abituata a concedere molto a colossi come Google, in cambio di servizi gratuiti, dall’altra è ideologicamente preoccupata per il grande potere che verrà concesso agli inquirenti.

Forse il timore del terrorismo ha alterato gli equilibri del diritto, ma è anche vero che i cittadini dovrebbero essere coinvolti maggiormente in questo genere di valutazioni.

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato martedì 03/04/12 alle ore 10:00 e classificato in Web & Social » Novità dal Web . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

mercoledì 26 luglio 2017 04:37

  • Archivi