Web & Social » Social Media

Pinterest fa pace con Flickr: pinnare diventa più corretto

Pinterest è l’ultima moda in fatto di social e, se in Italia è ancora giovane e alle prime armi, negli Stati Uniti e non solo è già ben avviato. Ci sono tuttavia alcune questioni, che, per stessa ammissione dei suoi gestori, sono ancora in via di definizione. Prima fra tutte la questione sul copyright. L’attribuzione delle immagini pinnate tramite il social, infatti, ha aperto varie dispute, che però ora potrebbero aver trovato una parziale soluzione.

La novità di cui stiamo parlando è la presenza del bottone di Pinterest tra le varie opzioni di condivisione di Flickr, YouTube, Vimeo e altri.

Facciamo un passo indietro per chi non conosce ancora Pinterest. Si tratta di una bacheca virtuale sulla quale è possibile condividere foto, video e immagini, proprie o altrui, che più piacciono, suddividendole in Board tematiche. Le immagini possono essere caricate, ma anche “pinnate”: quando online se ne trova una che si vuole condividere sul proprio profilo basta cliccare sul tasto “Pin it” appunto – che viene installato dall’utente sulla propria toolbar nel momento in cui si comincia a usare Pinterest – e la foto viene automaticamente “inglobata” nella propria board.

La perplessità nata tra molte community che basano la loro essenza sulla proprietà intellettuale dei prodotti visivi che condividono in rete, è stata però come fare in modo che una foto, pinnata da un utente fosse comunque attribuita e riconducibile all’autore originale.

Flickr, data la sua natura, è stata una delle realtà più coinvolte da questo problema. Proprio su questo tema, la collaborazione col nuovo social ha portato alla craezione del Pin It su Flickr.

Come viene spiegato sul blog di Flickr, nel menu di condivisione è stato aggiunto il pulsante “Pinterest”, con cui è possibile creare dei “pin” da tutto quello che si condivide tramite Flickr, incluse le pagine delle foto, i preferiti e i gruppi. Pinnando una foto questa viene così automaticamente attribuita al fotografo che l’ha scattata e unita al titolo e al link. Se un fotografo non desidera che i suoi contenuti siano condivisi, il menu Condividi viene disattivato, rendendo l’opzione Pinterest non disponibile. Inoltre, se anche le foto dovessero essere incorporate dall’utente che le vuole pinnare, sul proprio sito Web o blog e il pin fosse creato da lì, le immagini sarebbero comunque attribuite all’autore originale una volta su Pinterest e collegate alla pagina della foto di Flickr connessa.

Un passo avanti per Pinterest, che lo aiuterà ad essere guardato senza sospetto e ad appassionare ancora più utenti.

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato mercoledì 02/05/12 alle ore 15:00 e classificato in Web & Social » Social Media . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

mercoledì 23 agosto 2017 02:30

  • Archivi