Web & Social » Novità dal Web

Gli utenti vogliono tecnologia più semplice, altro che PC ultrapotenti!

La maggior parte dei consumatori vorrebbe prodotti tecnologici in grado di semplificare la vita, e non di complicarla. A stabilirlo sono i dati del “Ketchum Digital Living Index”, una ricerca condotta da Ketchum.

L’azienda ha analizzato le preferenze di 6.000 consumatori di sei stati diversi (USA, Gran Bretagna, Francia, Germania, Spagna e Cina) e il 76% degli intervistati ha dichiarato di non essere soddisfatto dal livello di semplificazione della vita raggiunto dai dispositivi tecnologici.

“Il 54% degli utenti  sostiene di preferire prodotti hi-tech facili da usare, mentre il 46% vorrebbe dispositivi che semplifichino la vita. Il 35% preferisce invece prodotti in grado di offrire divertimento, mentre soltanto l’11% vorrebbe una tecnologia che consenta di comunicare meglio i propri interessi al mondo esterno”, si legge nelle pagine del comunicato ufficiale.

Sembra dunque che al primo posto nelle menti dei consumatori ci sia un forte desiderio di semplificazione, e non di “esperienze tecnologiche” migliori o più veloci.

Tuttavia bisogna considerare che i livelli di gradimento cambiano molto da Paese a Paese. Per esempio la percentuale di utenti cinesi appassionati di smartphone è pari al 44%, quasi il doppio rispetto al dato degli utenti francesi (24%). Quindi anche la cultura ha un peso molto importante, al punto da condizionare gusti e valori delle esperienze con i prodotti tecnologici.

L’antropologa Emma Gilding ha contribuito con Ketchum alla creazione di questa ricerca e ha offerto la propria collaborazione per estrapolare altri dati molto interessanti.

Secondo l’indagine di Ketchum esistono quattro tipologie di nativi digitali. Il primo gruppo, quello più numeroso, è formato dagli “Entusiasti” (il 37% degli intervistati), cioè gli appassionati di prodotti tecnologici, disposti a sacrificare la semplicità della tecnologia a favore di migliori esperienze.

Il 25% degli utenti rientra invece nel secondo gruppo, quello degli “Infomaniaci”, cioè chi preferisce raccogliere informazioni e scoprire nuove esperienze piuttosto che migliorare la propria capacità di relazionarsi con le persone.

I cosiddetti “Pragmatici” (il 22% degli intervistati) sono invece gli utenti che non amano molto la tecnologia, ma l’apprezzano in quanto strumento per relazionarsi con il prossimo e gestire in generale il proprio benessere.

L’ultimo gruppo, quello dei “Disconnessi”, include il 16% degli utenti e identifica chi non è appassionato di tecnologia, ma al tempo stesso riconosce l’alto valore di semplificazione offerto dagli strumenti hi-tech. Voi in che gruppo vi riconoscete?

Commenti (1)
Questo articolo è stato pubblicato sabato 19/05/12 alle ore 10:00 e classificato in Web & Social » Novità dal Web . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

  • SuperMimmo
    di SuperMimmo | 20/05/2012 11:00

    PRAGMANTICO! E’ normale che la tecnologia debba semplificare la vita. L’11% degli intervistati vorrebbe una tecnologia che consenta di comunicare meglio i propri interessi al mondo esterno? Beh, esistono le parole per questo o, comunque, altri strumenti.
    Un computer, uno smartphone, un tablet o la più innovativa domotica devono rendere piacevole l’uso della tecnologia, alla portata di tutti, non solo di chi ha una laurea in Ingegneria Nucleare

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

sabato 16 dicembre 2017 06:28

  • Archivi