Mobile & Tech » Computer & Tablet

Android e Chrome OS, un solo sistema operativo per smartphone, tablet e notebook

Secondo Sundar Pichai, responsabile del progetto Chrome OS, un giorno Android e il sistema operativo creato da Google (ancora poco conosciuto in Italia) si potrebbero fondere per diventare un unico prodotto per dispositivi mobili. L’ingegnere ritiene che in futuro i computer tradizionali convergeranno con gli smartphone e i tablet, in modo da completarsi a vicenda. In base alle previsioni inoltre la stessa cosa succederà anche con i prodotti di Apple, vale a dire che un giorno potremmo vedere lo stesso sistema operativo usato sui computer Mac, su iPhone e su iPad.

Già oggi ChromeBook (il computer che sfrutta il sistema operativo di Google) e smartphone Android condividono numerose applicazioni, e in futuro questa compatibilità sarà ulteriormente ampliata. La parola d’ordine secondo l’ingegnere di Google è “esperienza Cloud“, in grado di modificare le abitudini d’uso dei dispositivi tecnologici. “Il computer – ha spiegato Pichai – sta diventando sempre più una console web dove si possono gestire e distribuire le applicazioni, senza bisogno di installare software o simili”. Un concetto ben noto ad Amazon, che con il suo Kindle Fire ha spopolato negli Stati Uniti. Il segreto è proprio un prodotto a basso costo, poco potente e in grado di gestire l’elaborazione dei contenuti multimediali in remoto, grazie al browser Silk. Tuttavia come si spiega l’insuccesso ottenuto finora da Chrome OS e dai Chromebook? L’ingegnere spiega che l’incubazione è stata molto lunga e che ci vorrà tempo. L’obiettivo principale è mettere a punto il sistema operativo. L’ultima versione, spiega Pichai, è molto più veloce ed assomiglia più a Windows che a OS X, grazie alle finestre, alla barra delle applicazioni e a molte altre caratteristiche tipiche del sistema operativo di Microsoft.

Gli analisti sostengono che lo scarso successo del Chromebook sia da cercare nei prezzi esageratamente alti, e Pichai spiega che Google sta lavorando a stretto contatto con Intel e con i produttori. Questa collaborazione permetterà di immettere sul mercato vari Chromebook, con diverse fasce di prezzo. I tempi sono maturi per l’arrivo di un terzo incomodo fra Windows e Macintosh?

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato lunedì 04/06/12 alle ore 09:50 e classificato in Mobile & Tech » Computer & Tablet . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

sabato 18 novembre 2017 16:48

  • Archivi