Web & Social » Novità dal Web

Da oggi internet è più grande. Con l’IPv6 milioni di miliardi di indirizzi in più

A differenza di quanto si possa credere, internet non è infinito. Quando venne lanciato operativamente agli inizi degli anni ’80, i suoi creatori non potevano immaginare che dopo 30 anni ci sarebbero stati miliardi di dispositivi e utenti online. Oggi, quasi tre decenni più tardi, quella stessa rete viene utilizzata da circa 2,5 miliardi di persone e 11 miliardi di dispositivi in tutto il mondo. La prima modalità di identificazione dei computer su internet è stato un protocollo chiamato IPv4, che assegna indirizzi IP del tipo 102.130.241.233, una sorta di numeri di telefono utili per riconoscere univocamente un dispositivo collegato alla rete. Ora, questa combinazione è piuttosto limitata e permette di registrare (appena) 4 miliardi di indirizzi, un numero che sta per essere esaurito. Per la cronaca solo nel 2011 la Iana (Internet Assigned Numbers Authority) ha assegnato 201 milioni di indirizzi internet in tutto il mondo. Cina e India hanno rapidamente esaurito la disponibilità e l’Apnic, il registro della regione Asia-Pacifico, si è trovata nell’aprile dello scorso anno senza più indirizzi IPv4. In Europa l’ultimo lotto di indirizzi dovrebbe essere assegnato ad agosto, mentre negli Stati Uniti l’ultimo giro è previsto per luglio 2013.

Per tutte queste ragioni da oggi ci sarà un aggiornamento al nuovo protocollo, l’IPv6 (Internet Protocol versione 6), in sostanza un’altra rete internet con nuovi indirizzi a 128 bit, molto più lunghi dei precedenti (del tipo 2002:0:5ef5:79fd:f9:3fff:c13b:c77b). I test erano iniziati circa un anno fa e, come affermato dall’Internet SocietyQuesta volta si fa sul serio”: Facebook, Google, Bing, Yahoo, Youtube e altri 2600 siti (tra cui una ventina italiani) configureranno definitivamente i loro server per connessioni IPv6.

La maggioranza dei navigatori non dovrebbe accorgersi di nulla. I siti saranno configurati per supportare le vecchie connessioni in una configurazione chiamata “dual stack”: nel caso un computer non supportasse IPv6, le informazioni saranno servite attraverso le tradizionali connessioni IPv4. (Per chi vuole saperne di più, Google ha creato una pagina e un test specifici). Pronti a navigare nel nuovo grande mare di internet? Munitevi di bussola e cannocchiale: il nuovo protocollo garantirà fino a 340 trilioni di trilioni di trilioni di indirizzi.

Commenti (2)
Questo articolo è stato pubblicato mercoledì 06/06/12 alle ore 16:00 e classificato in Web & Social » Novità dal Web . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

  • hach
    di hach | 06/06/2012 20:42

    peccatao che ipv6 e’ utilizzato dal 1999

  • speedj
    di speedj | 28/08/2017 00:13

    2012-2017 e ancora niente IPv6 per gli utenti vodafone fibra….

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

lunedì 25 settembre 2017 13:31

  • Archivi