Mobile & Tech » Computer & Tablet

Mercato PC e ultrabook in stallo, gli utenti vogliono Tablet e MacBook Air

Secondo gli ultimi dati di Gartner e IDC il secondo trimestre del 2012 ha fatto registrare una leggerissima flessione del mercato dei PC. Il calo dello 0,1% è infatti decisamente trascurabile, soprattutto se paragonato ai volumi di vendita del settore: 87,5 milioni di unità per Gartner e 86,7 secondo i rilevamenti di IDC. Tuttavia il campanello d’allarme risuona, soprattutto per chi si aspettava una crescita del settore. Le ragioni di questo trend sembrerebbero essere il momento poco favorevole dal punto di vista economico (soprattutto in Europa) insieme alla crescita delle vendite dei tablet, che continuano a “rubare” clienti ai PC tradizionali.

Entrambe le società di ricerca sono concordi nell’indicare HP come primo produttore mondiale. In seconda posizione troviamo Lenovo, mentre Dell e Acer lottano per la medaglia di bronzo. Si parla di pochi punti percentuali, visto che Gartner mette in terza posizione Acer (11% contro 10,7%) mentre IDC inverte le parti e fa salire sul podio Dell (11,1% contro 10,4%). Tuttavia è innegabile rilevare una crescita contenuta da parte di Acer (0,5%) e il brusco calo di Dell (-11,9%), dati che mettono d’accordo entrambe le società di ricerca. Anche le prime due aziende vivono una situazione simile, con il calo di HP (-12% per Gartner e -12,3% per IDC) e alla crescita di Lenovo, che traina tutto il settore con un aumento del 14,9% e addirittura del 25% per IDC. Nonostante i dati siano molto differenti la sostanza non cambia: l’azienda cinese è in forte crescita mentre HP continua a perdere quote di mercato. Se la situazione dovesse continuare così è facile ipotizzare un sorpasso da parte di Lenovo nei prossimi mesi. Da segnalare anche la quinta posizione di Asus, in forte crescita sia per Gartner (38,6%) sia per IDC (39,8%).

I dati analizzati servono anche per esaminare la situazione del settore degli ultrabook. Un giornalista di Cnet ha intervistato un’analista di IDC, che spiega come le vendite degli ultraportatili siano inferiori alle aspettative di Intel. L’azienda aveva dichiarato di puntare alla conquista del 40% del mercato dei notebook consumer grazie agli ultrabook. L’analista tuttavia prevede che entro la fine dell’anno i computer portatili venduti saranno circa 225 milioni, mentre gli ultrabook potranno arrivare al massimo a un milione. Un valore molto lontano dal 40% ipotizzato da Intel. L’unica azienda che può essere contenta del mercato dei computer ultra-portatili è Apple, che è riuscita a piazzare 2,8 milioni di MacBook Air contro i 2,75 milioni venduti nello stesso trimestre dell’anno scorso. Secondo gli ultimi dati l’azienda della mela è terza in questa particolare classifica, dietro ad HP e Dell e con una quota di mercato del 12%. Apple è anche l’unica azienda a far registrare una crescita (4,3%), mentre per tutti gli altri concorrenti la situazione è negativa (-9,5% Dell, -12,7% HP, -14,1% Acer e -19,5% Toshiba). Secondo l’analista di IDC il motivo principale delle vendite deludenti degli ultrabook è da imputare ai prezzi troppo alti. L’unico modo per risollevare il settore è abbassare il prezzo di questi computer a circa 700 dollari, in attesa di scoprire se Windows 8 riuscirà a cambiare le sorti del mercato.

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato venerdì 13/07/12 alle ore 13:00 e classificato in Mobile & Tech » Computer & Tablet . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

domenica 20 agosto 2017 06:07

  • Archivi