Web & Social » Novità dal Web

Windows 8 più economico, licenze e aggiornamenti a prezzi vantaggiosi

Molto probabilmente Windows 8 costerà meno di Windows 7, anche nel caso di acquisti di nuove licenze. Microsoft ha infatti intenzione di rivedere la propria strategia di vendita e di sostituire la licenza tradizionale “retail” con quella OEM (Original Equipment Manufacturers) distribuita ai produttori. Tutto questo secondo il parere degli esperti di Microsoft Mary Jo Foley e Paul Thurrot, intervistati recentemente in merito al nuovo sistema operativo dell’azienda.

I due esperti spiegano che Microsoft potrebbe limitarsi a distribuire il DVD di aggiornamento e la versione System Builder Kit, cioè quella indirizzata a chi si realizza il PC da solo, simile  a quella offerta ai produttori OEM. In questo modo dovrebbe sparire la licenza tradizionale “inscatolata”, cioè quella che si trova nei negozi di informatica e online.

Questa nuovo risparmio, per ora potenziale, si aggiungerebbe a quello di chi è già in possesso di una copia autentica di Windows (da XP a Vista). Ricordiamo infatti che con soli 40 dollari si potrà aggiornare il proprio sistema operativo, a patto di avere una licenza per le versioni di Windows appena elencate.

La vera novità è che fino a Windows 8 era impossibile acquistare (almeno ufficialmente) la versione System Builder Kit riservata agli OEM. L’ipotesi è che Microsoft possa offrire ai privati un prezzo conveniente, simile a quello riservato ai costruttori di PC. La differenza nel caso di Windows 7 è di 135 dollari contro 300… una cifra considerevole.

Con Windows 8 il risparmio potrebbe essere ancora più rilevante, perché si ritiene che il prezzo per gli OEM sarà di circa 100 dollari. Se l’ipotesi avanzata dai due esperti si dovesse rivelare corretta allora molto probabilmente questo potrebbe essere il prezzo di una nuova licenza di Windows 8: trenta dollari in meno rispetto alla cifra necessaria per acquistare Windows 7 Ultimate.

Ricordiamo tuttavia che si tratta di ipotesi non confermate, ma il parere dei due esperti è considerato molto autorevole, soprattutto quando si parla di Microsoft. È possibile dunque che l’azienda decida di adottare una politica simile a quella di Apple, che da diverso tempo offre aggiornamenti più frequenti dei propri sistemi operativi a prezzi contenuti. Una strategia che potrebbe rivelarsi vincente, soprattutto in questo periodo caratterizzato da una contrazione delle vendite di nuovi computer.

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato lunedì 16/07/12 alle ore 10:30 e classificato in Web & Social » Novità dal Web . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

venerdì 28 luglio 2017 12:54

  • Archivi