Mobile & Tech » Apps & Games

Pirateria su Android: gli sviluppatori in difficoltà passano ai giochi gratis

La pirateria dei giochi su Android sta costringendo diversi sviluppatori a cambiare modello di business, passando da app a pagamento (di solito a 0,79 euro) a titoli free to play, cioè gratuiti e con l’aggiunta di contenuti opzionali a pagamento.

La testimonianza di Madfinger Games, gli sviluppatori di Dead Trigger, è particolarmente significativa e riassume il pensiero di tutto il settore relativamente a questo fenomeno. L’azienda ha spiegato sulla propria pagina di Facebook che nonostante il prezzo contenuto del gioco la quantità di download illeciti su Android era molto alta. Per questo motivo l’app è diventata gratuita sui dispositivi basati sul sistema operativo mobile di Google.

Il fatto che la stessa applicazione su iOS sia ancora a pagamento riaccende l’eterno dibattito sulla convenienza dello sviluppo di un gioco per iPhone e iPad, un fattore che sembrerebbe assente su Android. In questo caso gli sviluppatori di Dead Trigger hanno preferito puntare sugli acquisti in-app per cercare di ricavare un profitto. Ora la palla passa agli utenti Android, sperando che raccolgano l’invito del team di sviluppo a sostenere l’azienda tramite le micro-transazioni.

Questo caso è soltanto un esempio ed evidenzia che il problema della pirateria su Android è ancora lontano dall’essere risolto. In passato anche gli sviluppatori di Fishlab avevano sottolineato che la pirateria era uno degli ostacoli più grossi per lo sviluppo di software per Android. I dati di alcune ricerche sostengono che il livello di app piratate sia vicino al 98% sul sistema operativo mobile di Google, superando di 20 volte l’intensità dello stesso fenomeno sui dispositivi Apple.

Questo spiega perché su Android ci siano pochi giochi sviluppati in esclusiva e molte conversioni di giochi da iOS. Dopotutto una conversione, o porting, è abbastanza economica e quindi si può anche accettare di guadagnarci poco. Una situazione simile al mercato dei giochi per PC, che ricevono poche esclusive e molti porting dalle console come PS3 e Xbox 360, dove lo sviluppo è decisamente più redditizio grazie alla minore pirateria.

Google tuttavia non ha intenzione di restare a guardare e molto probabilmente aumenterà la protezione delle app su Play Store con Android 4.1. Non è ancora chiaro quanto reggerà questa protezione, ma la speranza è che sia abbastanza per dare speranza ad aziende come Madfinger Games e agli altri sviluppatori, altrimenti la conseguenza sarà un abbandono della piattaforma Android per concentrarsi esclusivamente su iOS. Uno scenario che Google dovrà evitare a ogni costo.

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato mercoledì 25/07/12 alle ore 09:30 e classificato in Mobile & Tech » Apps & Games . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

domenica 23 aprile 2017 21:43

  • Archivi