Web & Social » Novità dal Web

Successori scomodi e invadenti: ecco perché scomparve l’uomo di Neanderthal

Storie di selezione naturale… A quanto risulta dagli ultimi studi, la causa principale della scomparsa degli uomini di Neanderthal non fu l’eruzione del supervulcano dei Campi Flegrei, avvenuta 40.000 anni fa.

Vissuta tra i 200.000 e i 40.000 anni fa, nel periodo paleolitico, la specie nostra antenata dell’Homo neanderthalensis, comunemente detto uomo di Neanderthal, convisse nell’ultimo periodo della sua esistenza con l’Homo sapiens e scomparve, in un tempo relativamente breve, per cause enigmatiche, ancora attivamente studiate.

Ora pare che a far scomparire questa specie tra i 40.000 e i 30.000 anni fa, fu proprio l’Homo Sapiens. Lo studio guidato dall’Università di Londra e pubblicato sulla rivista dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti si è basato sull’analisi dei depositi di ceneri e sul confronto con la distribuzione dei Neanderthal, e smentirebbe le ricerche che attribuivano al supervulcano campano la loro scomparsa dall’Europa, dando invece la colpa principalmente agli “invadenti” successori.

“I nostri risultati confermano che l’effetto combinato di una catastrofica eruzione vulcanica e del grave raffreddamento climatico non ha avuto un impatto definitivo sui Neanderthal o primi esseri umani in Europa. Ne abbiamo dedotto che gli esseri umani moderni si sono dimostrati una maggiore minaccia competitiva per le popolazioni indigene di quanto non siano stati i disastri naturali.”

Non ressero insomma la “competitività” dei successori. Forse è il caso di dirlo… parenti serpenti

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato mercoledì 25/07/12 alle ore 15:00 e classificato in Web & Social » Novità dal Web . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

martedì 24 ottobre 2017 04:13

  • Archivi