Web & Social » Novità dal Web

675.000 dollari di multa per 31 canzoni scaricate

Joel Tenenbaum dovrà pagare 675.000 dollari per aver scaricato 31 canzoni con Kazaaa. Lo ha deciso un giudice statunitense confermando una precedente sentenza risalente al 2009. Il processo era aperto da cinque anni e non è detto che si chiuda qui, anche se ormai le possibilità per l’imputato sembrano ridotte agli sgoccioli.

Per molti si tratta di una punizione inaudita, di una cifra priva di qualsiasi giustificazione. Non per il giudice però, che non la trova affatto ingiusta. Da una parte perché si poteva arrivare a ben 150.000 dollari per ogni canzone scaricata e ci si è fermati a “solo” 22.500, e dall’altra perché Tenenbaum si è mostrato recidivo nelle proprie attività di download illegale.

Il giudice però ha anche stabilito che non pagare per le canzoni scaricate equivale a un profitto per l’utente, un concetto che è stato rigettato da più parti negli ultimi anni. Persino dai produttori di musica e film, che dal 2008 hanno smesso di perseguire i singoli utenti per prendersela con siti e servizi come The Pirate Bay o Megaupload – senza però cessare le pressioni sui governi nazionali affinché approvino leggi che colpiscano gli individui.

Con la causa di Joel Tenenbaum in ogni caso sembra chiudersi l’epoca delle denunce contro le persone che scaricano materiali protetti da copyright senza autorizzazione. Dopo di lui quasi certamente nessuno finirà più in tribunale per questo tipo di attività, seppure c’è ancora il rischio di vedersi “disconnessi” da parte del proprio provider.

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato lunedì 27/08/12 alle ore 11:08 e classificato in Web & Social » Novità dal Web . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

mercoledì 28 giugno 2017 17:47

  • Archivi