Mobile & Tech » Hi-Tech

Intelligenza artificiale vs intelligenza umana? Meglio non rischiare…

Dalla University of Cambridge arriva un progetto dal nome non troppo tranquillizzante. Si chiama Centre for the Study of Existential Risk, ovvero Centro per lo studio del rischio esistenziale, e ha messo insieme uno scienziato, un filosofo e un ingegnere di software per analizzare e discutere se e come gli sviluppi nel campo della tecnologia umana possano essere pericolosi per la “razza umana”.

“Il nostro obiettivoscrivono da Cambridge - è indirizzare una piccola frazione delle grandi risorse intellettuali di Cambridge e della reputazione costruita sul suo passato e sull’attuale preminenza scientifica, nel compito di assicurare che la nostra specie abbia un futuro a lungo termine”.

Le tecnologie robotiche infatti potrebbero mettere a rischio il nostro ruolo di più intelligenti sul pianeta: le macchine potrebbero scalzarci dal nostro primato e non tener conto dei nostri interessi così come li intendiamo noi.

Si pensi ad esempio al campo dell’intelligenza artificiale. Ricordate il fantascientifico Hal, il computer di “2001: Odissea nello Spazio”?

Il rischio sembra intangibile eppure l’uomo stesso lo ha vissuto sulla propria pelle, anche se dall’altra parte. Infatti a noi nei prossimi anni potrebbe accadere quello che è accaduto al mondo animale un tempo sovrano della Terra, poi messo a rischio dalle nostre azioni.

Chi di voi in questo momento sta rivedendo davanti ai suoi occhi scene tratte da film come “Io, robot” o “Terminator” certo inizierà a preoccuparsi.

Ad un certo punto, questo secolo o successivo, potremmo essere di fronte a uno dei grandi cambiamenti della storia umana – forse anche la storia cosmica – quando l’intelligenza sfugge ai vincoli della biologia”, ha spiegato Huw Price, professore di filosofia. “Non voglio dire che siamo in grado di prevederlo con certezza, nessuno è attualmente in grado di farlo, ma questo è il punto. Con così tanto in gioco, abbiamo bisogno di fare un lavoro migliore per comprendere i rischi potenzialmente catastrofici delle tecnologie”.

Insomma, prevenire è meglio che curare…

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato mercoledì 28/11/12 alle ore 10:00 e classificato in Mobile & Tech » Hi-Tech . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

lunedì 18 dicembre 2017 02:01

  • Archivi