Mobile & Tech » Hi-Tech

Dal MIT arriva un “mantello della visibilità”, per rendere visibile ciò che è invisibile

I ricercatori del MIT ci stupiscono ancora e ci rivelano uno strato del mondo appena al di là della percezione umana che ora, grazie alla scienza, diventa visibile, spalancandoci le porte di un altro universo, fatto di movimenti invisibili, tutto intorno a noi.

Impossibile per noi rendercene conto a occhio nudo, ma siamo avvolti da una realtà costituita da “invisible motion” – come li definiscono gli scienziati -  che sarebbe rimasta per sempre nascosta ai nostri occhi se non fosse stato per un geniale algoritmo sviluppato dal team del Laboratorio di Computer Science and Artificial Intelligence del MIT, guidato dal Prof. William Freeman.

I ricercatori hanno infatti trovato un modo per individuare i movimenti “non percepibili” a vista e catturarli su video. Il processo, che ha avuto il nome di “Eulerian Video Magnification”, ha risultati davvero impressionanti.

Lo scopo è quello di rivelare, attraverso lo strumento del video, tutte quelle variazioni temporali presenti, ma difficili o impossibili da individuare a occhio nudo, mostrandole in maniera evidente. Quello che fa il programma è guardare un video e focalizzarsi su ogni cambiamento nei pixel dell’immagine, frame dopo frame. Poi, una volta che i cambiamenti sono stati individuati, il programma ne amplifica il colore di 100 volte, rendendolo molto più evidente.

Presentato lo scorso agosto al SIGGRAPH di Los Angeles, il metodo inizialmente era stato studiato per monitorare il respiro dei bambini prematuri senza toccarli, per evitare rischi di infezioni. Il suo procedimento, infatti, può consentire di osservare il flusso del sangue che scorre al viso o i movimenti impercettibili provocati dal respiro. 

La capacità di “estrarre” segni vitali direttamente da video, potrebbe però avere sviluppi molto utili non solo nel campo della diagnostica medica, ma anche in quello legale, per esempio durante gli interrogatori degli accusati nei processi, oppure durante sedute psicologiche o colloqui di lavoro.

Così mentre in molti sognano un fantascientifico mantello dell’invisibilità, al MIT realizzano uno “schermo per la visibilità”. Attenzione a mettersi sotto la lente: potrebbe rendere visibili anche i vostri pensieri…

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato martedì 05/03/13 alle ore 10:00 e classificato in Mobile & Tech » Hi-Tech . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

martedì 27 giugno 2017 02:14

  • Archivi