Lifestyle » Eventi

Il cellulare entra negli “anta”: quarant’anni fa la prima telefonata

Sono passati quarant’anni da quando Martin Cooper ha cambiato il mondo della comunicazione. Era infatti il 3 aprile del 1973 quando dalla Sixth Avenue di New York, davanti all’ingresso di un Hilton Hotel, il capo dei ricercatori della Motorola effettuava la primissima chiamata da cellulare proprio al suo diretto rivale, il ricercatore della Bell Labs, Joel Engel, con un Dyna-TAC (Dynamic Adaptive Total Area Coverage).

“Ti sto chiamando dalla strada, con un telefono cellulare”, queste le parole che sentì risuonare nell’apparecchio Engel. Certo si trattava di un cellulare ben lontano dai modelli che vengono alla mente a noi oggi: era scomodo e pesante (1,3 Kg per circa 30 centimetri di lunghezza), senza display, con un tempo di ricarica di 10 ore e appena 35 minuti di autonomia operativa, ma compì ugualmente un gesto che sarebbe diventato precursore di un mondo nuovo e mobile.

Di anni ce ne sono voluti parecchi, dopo quella prima chiamata, perché il telefonino diventasse un oggetto di uso comune per tutti. Basti pensare che il successore del prototipo di Cooper, DynaTac 8000X, messo sul mercato solo una decina di anni dopo, veniva venduto a 3.995 dollari di allora, ovvero 9.322 dollari attuali.

Oggi però le nuove generazioni non potrebbero neanche immaginarsi senza un cellulare in tasca e tutto questo si deve a quella prima chiamata, all’intuizione di quei ricercatori e al loro sano spirito di “agonismo”.

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato mercoledì 03/04/13 alle ore 10:00 e classificato in Lifestyle » Eventi . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

martedì 17 ottobre 2017 13:43

  • Archivi