Mobile & Tech » Hi-Tech

Pensa la tua password e accedi: tra uomo e computer non servono parole

Regola numero uno per una buona password: pensatela soltanto.

Alla UC Berkley School of Information il ricercatore John Chuang, supportato dal suo team, è al lavoro su nuove tecniche per l’inserimento di password tramite il pensiero.

L’esperimento, condotto nel centro di ricerca, ha visto l’utilizzo di un apparecchio già esistente, il NeuroSky MindSet, una specie di caschetto, simile alle cuffie per ascoltare la musica, con funzioni di elettroencefalogramma non invasive.

Il dispositivo viene connesso tramite Bluetooth a un computer che riesce così a decifrare le onde cerebrali. L’utilizzo delle onde cerebrali di chi ha partecipato all’esperimento per identificare le azioni pensate, ha avuto successo con un livello di errore inferiore all’1%. Questo lascia ovviamente ben sperare.

Si va così ancora un passo più in là rispetto all’autenticazione biometrica, nella quale rientrano sistemi come la lettura delle impronte digitali o della retina per esempio.

Diciamo che questo sistema non può niente contro la memoria corta, poiché digitata o pensata, se la password ve la dimenticate il risultato è lo stesso.

Tuttavia la speranza è che questi sistemi sempre più avanzati possano garantire una sempre maggiore sicurezza informatica contro i tanto frequenti attacchi degli hacker e andare sempre più nella direzione di una comoda e semplice tecnologia indossabilie.

 

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato venerdì 12/04/13 alle ore 10:00 e classificato in Mobile & Tech » Hi-Tech . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

domenica 19 novembre 2017 07:36

  • Archivi