Web & Social » Novità dal Web

L’uomo sarà l’alieno del futuro? Eccoci allo specchio tra 100.000 anni

Come sarà l’uomo del futuro? Hanno provato a rispondere a questo interrogativo Alan Kwan, dottore di ricerca in genomica computazionale presso l’Università di Washington e Nickolay Lamm artista, ricercatore e appassionato di tecnologia e la risposta è tutta… da “guardare”.

Secondo la ricerca infatti, nel giro di 100mila anni cambieremo parecchio, assumendo un aspetto a dir poco inquietante (almeno rispetto ai canoni odierni). Innanzitutto la testa aumenterà di dimensione per contenere cervelli sempre più grandi ed evoluti. Poi, nella convinzione che le esplorazioni nello spazio portino l’uomo ad abitare nuovi pianeti e territori al di fuori della Terra, l’ipotesi è che gli occhi diventeranno enormi per vedere bene anche in luoghi bui e che le palpebre saranno più spesse e le sopracciglia più pronunciate “per alleviare gli effetti dannosi delle radiazioni UV, che saranno molto più forti al di fuori dello strato di ozono che protegge la Terra”. Per gli stessi motivi la pelle di tutti sarà più scura.

Se si guarda al passato la fisionomia dell’uomo è enormente cambiata nel corso dei milenni e tutto lascia prevedere che i cambiamenti saranno altrettanto evidenti nei prossimi 100mila anni.

Inoltre i ricercatori ipotizzano che, al di là di ogni questione morale, grazie agli sviluppi della genetica, il volto umano sarà sempre più determinato dai gusti dell’uomo, poiché grazie alle tecnologie i futuri genitori potranno scegliere la composizione genetica dei figli decidendone il colore dei capelli, degli occhi e la fisionomia.

Diventeremo forse noi gli “alieni” del futuro? Ovviamente qui siamo più vicini al gioco e alla fantascienza che alla scienza e alla genetica, ma ogni ipotesi è divertente da immaginare.

Commenti (1)
Questo articolo è stato pubblicato mercoledì 12/06/13 alle ore 16:00 e classificato in Web & Social » Novità dal Web . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

  • MICROMIKE
    di MICROMIKE | 12/06/2013 19:10

    E’ una cosa più che ovvia, l’evoluzione continua, se si cambiano pianeti poi, la stessa pressione di quel nucleo garantisce la forma e dimensioni diverse.

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

venerdì 23 giugno 2017 07:05

  • Archivi