Mobile & Tech » Hi-Tech

Da Tokio arriva il microchip ultrasottile per monitorare le nostre funzioni vitali

Di microdispositivi e computer “sottocutanei” si parla da alcuni anni, e tutti sappiamo che ormai è solo una questione di tempo. A quanto pare un tempo molto breve, considerando che una equipe di ricercatori dell’università di Tokyo ha annunciato di aver inventato un microchip che potrebbe essere impiantato nel corpo umano per monitorarne le condizioni fisiche.

Una soluzione a quanto pare poco invasiva, poiché il microchip si presenta come una pellicola ultrasottile e flessibile, spessa un quinto di una pellicola alimentare, ed ha la caratteristica di continuare a funzionare anche dopo essere stato spiegazzato o allungato. L’unico problema è l’alimentazione: al momento non esiste una batteria specifica per questo tipo di dispositivo, soprattutto in termini di peso e dimensioni.

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato martedì 30/07/13 alle ore 12:31 e classificato in Mobile & Tech » Hi-Tech . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

sabato 29 aprile 2017 07:33

  • Archivi