Mondo Vodafone » Eventi

Antonio e Cleopatra di Luca De Fusco

Recensione scritta da Giuliana Mastroserio, Corso di laurea in Lettere Moderne (Università di Napoli Federico II) 

È il buio, il protagonista dell’opera shakespeariana Antonio e Cleopatra, portata sulle scene dal regista Luca De Fusco al teatro Mercadante di Napoli.

La rappresentazione è minimale, senza troppi oggetti di scena in una sorta di ripresa postmoderna dei canoni del teatro elisabettiano. Come le figure eteree di un sogno, gli attori emergono dall’ombra con un gioco di luci, diventando per lo spettatore antiche erme grigie, icone immutabili nel tempo, cariche della loro forza di personaggi storici ma allo stesso tempo animati da passioni e sentimenti che appaiono e sono moderni.

De Fusco fa meditato uso di stilemi cinematografici per trascinare lo spettatore nel cuore e nelle emozioni dei protagonisti: primi piani, mani che si stringono, occhi scavati, tutto proiettato e amplificato sul grande tulle nero che divide il palco in due parti. Nel corso di tutta la rappresentazione, i personaggi sembrano quasi fluttuare sulla scena e restano visibili solo grazie a luci fisse che ne sottolineano la staticità non solo fisica ma soprattutto emotiva, in una società che non dà spazio all’amore, ma che anzi quasi ne ignora l’esistenza in nome della legge della conquista, dell’onore e del potere. Chi sfugge a questa immobilità sono solo Antonio e Cleopatra. La potenza del loro amore e delle loro parole li rende personaggi in movimento, eroi estremi, forti e fragili al tempo stesso.

Le battaglie tra Roma e l’Egitto, che fanno da sfondo a quest’amore, sono raccontate sulla scena attraverso danze contemporanee di accentuata suggestione. I soldati, così come i loro condottieri evocano i personaggi della “Danse macabre”, destinati a cadere senza scampo uno dopo l’altro. L’unico, sorprendente sprazzo di colore illuminerà la morte di Cleopatra quasi come se la sua fine, inimitabile e grandiosa, la stesse innalzando al cielo da un groviglio indistinto di statue. Animati da passioni semplici ma ineludibili, come la gelosia, la costante ironia di Cleopatra o la follia ultima di Antonio, la maestosa regina d’Egitto e il valoroso generale romano, interpretati in modo convincente da Luca Lazzareschi e Gaia Aprea, diventano simboli di un amore inimitabile, passione e grandezza che non condividono con nessun altro personaggio sulla scena. Ancelle frivole, amici pronti al tradimento, e un Cesare arrogante e invidioso fanno da corollario a questi due giganteschi protagonisti, che con la loro interpretazione portano in vita un Antonio e una Cleopatra profondamente umani e allo stesso tempo ultraterreni.

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato domenica 29/09/13 alle ore 10:30 e classificato in Mondo Vodafone » Eventi . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

venerdì 24 marzo 2017 13:04

  • Archivi