Web & Social » Social Media

Scatti di corsa in Sardegna con Giovanni Sedda

Dopo aver conosciuto Gabriele Persi, oggi vi presentiamo Giovanni Sedda. Nelle prossime settimane ci racconterà i profumi e i colori della sua amata terra, la Sardegna, correndo con il nuovo iPhone 5s.

Se volete potete correre insieme a lui seguendo su Twitter l’hashtag #scattidicorsa e pubblicando le vostre fotografie in movimento.

Nome:
“Giovanni Sedda”

Presentati in 140 caratteri:
“Consulente marketing, blogger, appassionato di viaggi, musica, arte, tecnologia e corse outdoor.”

Dove ti troviamo in rete?
“Su Facebook, Twitter, Google + e Pinterest.”

Qual è stato il motivo che ti ha spinto a correre per la prima volta?
“Ho sentito subito di amare la corsa. Alcuni dei ricordi più belli sono immagini sfumate ma potenti di corse all’aria aperta per i campi o le pinete, di quando sei un bambino che vedi ogni cosa aumentata e grandiosa, respirando ogni frammento di bellezza che vedi. Penso che questa felicità mi sia rimasta dentro ripetendosi ogni volta che metto le scarpette per andare a correre. Ecco, penso di aver iniziato a correre per avere un dialogo con il paesaggio e reiterare continuamente quella gioia dell’infanzia che ti libera dentro e ti collega al mondo.”

Quali sono i luoghi in cui preferisci correre?
“Lasciatemi dire che prima di tutto amo correre nella mia amata terra, la Sardegna. Ogni corsa è un regalo. È bello meravigliarsi di quanti particolari di grande bellezza si possono cogliere se corri in questi paesaggi generosi. La mattina o la sera è sempre un dialogo con la natura. Che vada veloce o che rallenti, correre nella natura ti silenzia, lasciando voce ad alberi e grilli. Il runner sa di non essere il protagonista, ma se si fonde al paesaggio diventa complice del bello. Sa che finita la corsa tra pini, oleandri ed eucalipti a volte ci sarà la gioia del mare. Non teme le nuvole, ma ci si armonizza dentro. Anche le corse in Australia non le dimenticherò mai.”

Hai un trucco per vincere i momenti di pigrizia in cui non vorresti uscire a correre?
“Il trucco ve l’ho appena rivelato. La corsa inizia prima ancora di mettere le scarpette. Immagino i profumi, i colori, i suoni, la piacevole sensazione che il corpo ti regala dopo.”

Hai mai corso in condizioni climatiche non troppo favorevoli? Ci racconteresti un episodio?
“Devo premettere che non soffro il freddo particolarmente e che correre sotto la pioggia non mi spaventa, anzi se è una pioggia leggera a volte mi mette perfino di buonumore. Forse mi ricorda, anche in questo caso, alcune corse molto spensierate dell’infanzia, fatte con naturalezza con gli amici. Quando anche bagnarsi era una cosa semplice e divertente. Un mesetto fa sono uscito per correre lungo la spiaggia di Budoni in Sardegna. Il terreno era pesante e fangoso e il mare abbastanza agitato. Eppure tutto intorno sembrava ugualmente armonioso. Ho inspiegabilmente rallentato ammirato dalle onde, dai gabbiani che si destreggiavano con la forza del vento e mi sono inzuppato come un biscotto. Il runner sa che la doccia calda che seguirà questa corsa avrà un po’ ancora l’eco del vento e del mare.”

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato giovedì 12/12/13 alle ore 16:00 e classificato in Web & Social » Social Media . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Articoli correlati

Nessun articolo correlato.

Ultimi commenti

Vodafone promo

domenica 23 aprile 2017 21:43

  • Archivi