Mobile & Tech » Apps & Games

Googlestrips: comunicazioni personalizzate a fumetti in arrivo da Mountain View

Il 31 dicembre scorso è stato approvato un brevetto, presentato da Google già nel 2010, destinato a proteggere la proprietà di un sistema per la creazione elettronica di comunicazione tramite fumetti. Il brevetto tutela un progetto dalle caratteristiche molto simili all’app del momento integrata in Facebook, Bitstrips, che ha reclutato 30 milioni di avatar entrando nelle classifiche delle app più scaricate in circa 90 paesi nel mondo.

La già nota Bitstrips consente di realizzare vignette divertenti, contraddistinte da un certo taglio surreale e di condividerle istantaneamente con i propri amici sulla piattaforma di Mark Zuckerberg.

Googlestrips, invece, nasce con l’obiettivo di trasformare facilmente le conversazioni in scambi fra personaggi dei fumetti. Quindi non incorporando foto come succede oggi con l’app canadese, ma usando un editor integrato che formatti i pensieri e le discussioni degli utenti. Googlestrips sarà integrato nelle piattaforme dei social network e la creazione finale potrà essere condivisa non solo sulla piattaforma usata per disegnarla, ma anche via email, su i siti, via chat o su altre piattaforme.

L’ingegnere di Google, Satish Kumar Sampath, nella richiesta di registrazione del brevetto ha scritto: “Attualmente un utente che ha qualcosa di divertente da condividere con gli altri non dispone di nessun altro modo per farlo se non tramite del semplice testo e oggi, che i social network supportano audio, immagini, animazioni e video, i semplici messaggi di testo rischiano di non essere visualizzati con la stessa importanza degli altri contenuti”.

I nuovi fumetti di Mountain View potranno avere non solo un fine ludico e ricreativo, ma potranno essere applicati anche per altri scopi, magari pubblicitari, elettorali, per schematizzare processi complessi o per creare programmi educativi. Si potrà spaziare in svariati ambiti grazie alla leggerezza e all’efficacia di un genere intramontabile come è il fumetto, che diversamente da altri linguaggi non teme il continuo susseguirsi compulsivo di nuove tecnologie.

Il progetto di Google sarà probabilmente sperimentare questo nuovo modo di comunicare dentro la propria piattaforma Google+ o di concederlo a terzi in licenza.

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato mercoledì 08/01/14 alle ore 16:00 e classificato in Mobile & Tech » Apps & Games . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

domenica 25 giugno 2017 00:24

  • Archivi