Mobile & Tech » Hi-Tech

In California gli smartphone come le auto: antifurto obbligatorio per tutti

Che siano app o funzioni integrate, ormai sono tantissimi gli smart device dotati di una funzione antifurto. E non è un caso, considerando che per lo smartphone passano moltissime attività – sia professionali che personali-, e proprio per questo il nostro device rappresenta una vera e propria miniera di dati personali da tutelare in caso di furto.

Un problema che in pochi si sono posti dalle nostre parti, il discorso del “non vendi senza antifurto” ha trovato invece sbocchi negli USA, grazie al procuratore generale di New York, Eric Schneiderman, e al procuratore distrettuale di San Francisco George Gascon. La loro battaglia inizia a giugno 2013, quando convocano i dirigenti di Apple, Samsung, Google e Microsoft, invitandoli a implementare sui loro prodotti mobili una funzione per renderli inutilizzabili a distanza in caso di furto o smarrimento. Schneiderman e Gascon avevano anche avviato una raccolta di firme per sollecitare i produttori a far presto, ma non è bastato. L’iniziativa allora si è spostata sul piano politico, e dopo alcuni mesi arrivano i primi risultati: infatti su una proposta di legge del senatore Mark Leno, il Senato della California ha votato l’obbligo di antifurto su tutti gli smartphone in vendita, attraverso la funzione Kill Switch: in questo modo il ladro si troverebbe quindi tra le mani un oggetto inutile, riattivabile soltanto su richiesta del proprietario alla casa produttrice.

Le reazioni sono state diverse, trattandosi di un provvedimento rivoluzionario e che tocca tanti interessi. I produttori sono piuttosto scettici, ritenendo che la funzione possa essere facilmente hackerabile, e che potrebbe nascere un mercato parallelo di oggetti rubati. Si smarcano però big come Apple e Samsung, che permetteranno agli utenti di riattivare le funzioni ad hoc senza costi aggiuntivi (Blocco Attivazione, Find My Mobile e Reactivation Lock). I promotori sono invece convinti che con le nuove norme si metterà fine ad un mercato parallelo che già esiste. Ora la battaglia si sposta in altri Stati fra i quali Illinois, Minnesota e New York: chi la spunterà?

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato mercoledì 09/04/14 alle ore 10:00 e classificato in Mobile & Tech » Hi-Tech . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Articoli correlati

Nessun articolo correlato.

Ultimi commenti

Vodafone promo

domenica 22 ottobre 2017 08:24

  • Archivi