Web & Social » Social Media

La storia di Claire Diaz-Ortiz: con Twitter anche il parto diventa social

Selfie con il pancione, filmini in sala parto e autoscatti sul letto d’ospedale: pensavamo di aver visto di tutto sull’argomento. Eppure non abbiamo fatto i conti con l’ultima moda in voga nei social: descrivire giorno per giorno le tappe di una gravidanza, parto compreso. Era accaduto un paio di mesi fa con Ruth Iorio, la blogger californiana che ha postato su Facebook le foto della sua esperienza in tempo reale, stavolta è toccato a Claire Diaz-Ortiz.

Argentina, Claire vive a Buenos Aires con il marito, ma soprattutto è a capo del team di social innovation al quartier generale di Twitter. Logico che aspettando un bambina cercasse di mettere a frutto i suoi oltre 330.000 follower per un live twitting d’eccezione. Così, dal travaglio fino alla prima foto del fagottino, Claire ha condiviso ansie, dubbi, considerazioni, fino al momento atteso da nove mesi.

Per la cronaca, tutto comincia a casa con il marito. Alle 4:31 il primo cinguettio affermando: “Mentre ero su Google, mi si sono rotte le acque”. Da quel momento ha continuato a raccontare il suo parto con l’hashtag #inlabor diventando decisamente la mamma in carriera più social mai vista. A quanto pare le era successo proprio quello, visto che nel cinguettio successivo, accompagnato da un eloquente hashtag #intravaglio, si legge “Quindi questa è una contrazione”. A quel punto a Claire resta poco da fare: indossare la sua felpa di Twitter e andare all’ospedale. Ma il viaggio da casa verso l’ospedale è piuttosto avventuroso: complici la fretta e la paura, Claire dimentica a casa la borsa per il neonato. In seguito, per somma sfortuna, la sua auto comincia a darle dei problemi costringendola a un paio di soste di emergenza per poi abbandonarla del tutto poco dopo. Senza perdere l’aplomb, Claire cerca un taxi e continua a twittare. Finalmente la ragazza riesce a raggiungere il reparto maternità dell’ospedale: “Si sentono donne gridare in abbondanza” scrive, preoccupata dal fatto di aver dimenticato a casa anche il cioccolato, e infastidita da chi continua a chiederle se lei e suo marito avessero già deciso il nome da dare al nascituro. Il travaglio intanto prosegue, come i suoi tweet che continuano a essere seguiti e commentati da sempre più persone. Non sempre in toni entusiastici. “Lezione: Quando stai twittando a proposito del tuo travaglio, qualcuno avrà qualcosa da ridire. Fortunatamente tuo marito riderà in un angolino”.

Finalmente qualche ora dopo, ecco il tweet che tutti si aspettavano: “Claire ha dato alla luce una bambina, cui è stato dato il nome di Lucia Paz“. Naturalmente, la piccola ha già un account su Twitter…

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato giovedì 10/04/14 alle ore 12:00 e classificato in Web & Social » Social Media . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

sabato 21 ottobre 2017 06:58

  • Archivi