Lifestyle » Design & Fashion

In Australia arriva Villa Girasole 2.0: seguire il sole per risparmiare energia

Il tema del risparmio energetico è attualissimo, ma parte da molto lontano. Ottimizzare le risorse per una vera sostenibilità ambientale rappresenta una realtà con cui fare i conti da almeno 30 anni. Ma perché si vada oltre i buoni propositi, serve un impegno nel piccolo, e da dove partire se non dalle nostre case, dove viviamo gran parte della nostra giornata e della nostra vita?

Esempi di autonomia e di energy saving ce ne sono un po’ ovunque: l’ultimo ci arriva da Canberra, in Australia, dove una normale abitazione in stile moderno ruota su se stessa seguendo la posizione del sole. Non a caso si chiama Girasole, e per comportarsi come i boccioli del fiore da cui prende il nome, poggia su 23 ruote cui sono collegati due motori che non consumano più di una normale lampadina. Il villino – realizzato della DNA Architects sull’idea dell’italo-australiano John Andriolo – vuole essere in realtà l’aggiornamento di una Villa Girasole “1.0″ costruita proprio nel nostro Paese, e in tempi dove la sostenibilità non esisteva nemmeno sulla carta. Siamo nel periodo 1929-1935, quando a Mezzavilla di Marcellise, in provincia di Verona, si realizzava il sogno dell’ingegnere Angelo Invernizzi e dell’architetto Ettore Fagiuoli.

All’epoca, per completare una rotazione di circa nove ore, ci si serviva di una sala macchine simile a quelle di una nave da crociera; oggi è tutto più comfortable grazie a un software che predice la posizione del sole nel cielo e comanda la rotazione, ma non è escluso un controllo manuale via tablet, per scegliere la posizione che desiderano. Una rotazione completa si porta a termine in meno di 10 minuti, e poter seguire il sole significa riuscire a massimizzare il rendimento dell’impianto solare da 10,5 kW. Il risultato è che, durante i mesi estivi, i pannelli producono molta più elettricità e acqua calda di quanto consumino gli abitanti, il che si traduce in un effetto risparmio consistente sulla bolletta.

L’intera casa è poi progettata per essere il più “verde possibile”. L’illuminazione è affidata a dei LED, e le grandi finestre doppie del soggiorno aiutano a mantenere calda quella zona della casa durante l’inverno, regolando la facciata che le ospita verso il sole. In estate invece l’abitazione assume la posizione opposta, mostrando al sole una facciata che monta finestre più piccole e una superficie che riflette il calore. Anche la ventilazione è stata particolarmente curata: delle ventole spingono l’aria verso l’alto o il basso a seconda della stagione e delle necessità, mentre delle finestre poste nella parte alta servono a lasciar uscire l’aria calda durante l’estate. Non resta che viverci.

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato lunedì 14/04/14 alle ore 10:00 e classificato in Lifestyle » Design & Fashion . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

domenica 19 novembre 2017 09:23

  • Archivi