Web & Social » Social Media

Novità Facebook: con Nearby Friends puoi trovare e contattare gli amici più vicini

Ricordate app come Cloak, Hatebook , Hell is other people oppure Enemybook, che usano i programmi di geo-localizzazione per evitare fisicamente i nostri contatti social nelle vicinanze? Facebook reagisce, e lo fa nel senso opposto con Nearby Friends. Attraverso questo nuovo strumento, il social network intende puntare ancora di più sulle interazioni tra persone, non solo online, ma anche nel mondo reale. Decisivo in questo senso il contributo di Andrea Vaccari, diventato product manager di Menlo Park dopo che il gruppo ha acquisito nel 2012 Glancee, l’app da lui co-fondata e di cui era amministratore delegato.

E non è un caso che proprio dal telaio di quell’applicazione nasca il nuovo servizio, il cui roll-out avverrà nelle prossime settimane senza richiesta di update, direttamente all’interno dei client ufficiali per Android e iOS. Nearby Friends di base consente di vedere gli amici localizzati nelle vicinanze ed eventualmente contattarli. Gli iscritti al social network di Mark Zuckerberg riceveranno quindi un messaggio che inviterà all’attivazione opzionale, e utilizzando la nuova funzione si darà il permesso di essere localizzati in qualsiasi momento, anche quando non si è fatto il log-in su Facebook. Da quel punto in poi potrete vedere gli amici vicini in fasce ripartite per la distanza. In miglia sono: mezzo miglio, 0,7 miglia, 1,8 miglia, e ciascuna posizione è corredata di un “timestamp”, che ci dice quando il network ha rilevato la sua posizione l’ultima volta. Accanto a ciascun amico c’è l’icona per spedirgli la nostra posizione. Così compariremo sulla sua mappa.

Un minimo di privacy è comunque garantita: innanzitutto non viene visualizzata una mappa con il luogo in cui un utente si trova, e si riceve invece un messaggio che recita più o meno ” X / Y e 5 altri amici sono nelle vicinanze”. Inoltre, si può scegliere chi può vedere se si è nei dintorni, ma soprattutto il servizio può essere acceso o spento in ogni momento.

Facebook si addentra così in un territorio tutt’altro che inesplorato. L’app Foursquare consente di trovare un bar, un ristorante o altri luoghi sulla base dei gusti di amici comuni. Cloak invece utilizza Instagram e la stessa Foursquare per localizzare (ed evitare) gli amici. Infine Twitter a dicembre ha testato una funzione che consente agli iscritti di vedere i “cinguettii” scritti dalla stessa località in cui si trovano in un determinato momento, a prescindere che abbiano deciso o meno di seguire gli autori di quei tweet.

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato venerdì 18/04/14 alle ore 11:41 e classificato in Web & Social » Social Media . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

venerdì 15 dicembre 2017 05:21

  • Archivi