Mobile & Tech » Hi-Tech

Tablet 3D e caschi innovativi: il futuro della tecnologia secondo Google e Samsung

Dopo occhiali, smartwatch e braccialetti, per i grandi marchi dell’hi-tech continuano a tenere banco le questioni “wearable” e “3D”. Lo sviluppo dei device indossabili è tutt’altro che archiviato, e ora le nuove sfide si chiamano 3D, capacità di comprensione degli spazi, e analisi dei movimenti. La tecnologia indossabile del futuro deve dunque interagire sempre di più con il mondo, ed è quello a cui puntano Google e Samsung, al lavoro per creare realtà alternative o aumentare quelle esistenti.

Quest’ultima è per esempio la strada scelta da Google con Project Tango, e la realizzazione di un tablet con schermo da 7 pollici capace di catturare immagini 3D di oggetti e ambienti chiusi che gli stanno intorno. Detto che le possibili applicazioni di questa tecnologia sono sulla carta parecchie (supporto digitale per i non vedenti? Robotica? Videogaming?), a Mountain View sarebbero di fatto pronti per dare il via  a una prima produzione limitata di circa 4mila tavolette in grado di vedere e registrare “oggetti” in 3D. Due videocamere posteriori, una batteria di sensori di profondità a raggi infrarossi e un avanzato software di gestione delle immagini, i prototipi sarebbero già nelle mani di un gruppo scelto di sviluppatori per studiare le migliori soluzioni (app e non solo) per rendere questa tecnologia vendibile al grande pubblico. Il battesimo ufficiale del tablet, in ogni caso, potrebbe materializzarsi a fine giugno, in occasione dell’annuale appuntamento con la Google I/O conference.

Rimanendo in tema di colossi, ecco che Samsung potrebbe presto lanciare un fantomatico caschetto  per la realtà virtuale. Anche qui siamo già in fase di test presso alcuni sviluppatori selezionati, e si potrebbe debuttare sul mercato entro Natale. Perfettamente compatibile con i prodotti top di gamma come Note 3 e S5, il visore si presenterebbe come accessorio ideale degli smartphone e dei tablet in rampa di lancio nei prossimi mesi, vedi per esempio il Note 4 atteso al varo all’Ifa di Berlino. Non è ancora chiaro se e come saprà tracciare i movimenti della testa, ma è certo che il tutto sarà controllato da Tizen, già impiegato sulla nuova generazione di orologi e braccialetti Gear. Arriverà presto il concorrente di Oculus Rift (Facebook) e Morpheus (Sony)?

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato lunedì 26/05/14 alle ore 14:33 e classificato in Mobile & Tech » Hi-Tech . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

sabato 10 dicembre 2016 21:29

  • Archivi