Mobile & Tech » Hi-Tech

Il comando OK Google sbarca in Italia: per usare uno smartphone basta la voce

Il comando vocale OK Google, variante “per tutti” dell’«ok Glass» con cui si attivano i Google Glass , funziona anche in Italia. Una delle novità di Android 4.4 KitKat è adesso più che mai radicata nel sistema operativo firmato Mountain View, e per poterlo utilizzare basterà pronunciare il comando “OK Google” quando il telefono non è in stand-by e iniziare la conversazione. All’esordio il comando era fruibile solo per coloro che avevano impostato la lingua inglese (US) sul proprio smartphone.

Per verificare se sul proprio dispositivo è stata attivata la ricerca vocale basterà accedere a Google Now, scegliere “impostazioni” e successivamente “voce”. Per coloro che invece si domandano come utilizzare la ricerca vocale anche dalla homescreen, è necessario che sia installato sul dispositivo, smartphone o tablet che sia, un launcher compatibile come il Google Now Launcher o il più noto Nova Launcher.

Il principio alla base dell’esperienza d’uso è semplice, intuitivo, ma rivoluzionario: tasti in soffitta, per mail, sms, chiamate e ricerche basta una parola. Si parte dal “chiamare contatto” a “invia SMS a contatto”, col testo del messaggio potrà essere dettato subito dopo il comando, mentre per le mail sarà sufficiente dire “invia email” specificando a chi è indirizzata e, se volete dettare il testo, continuate dicendo: “oggetto del messaggio, ciao ci vediamo dopo”.

È possibile usare Google Now anche per aprire applicazioni o pagine internet con la voce “apri”  oppure “vai a”, seguito dall’indirizzo della pagina, ma la navigazione non si limita al web: con “indicazioni, navigare e come arrivare a” su Maps, il tutto seguito dal nome del luogo, potremo chiedere al vostro device indicazioni in merito ad un itinerario, con tutte le distinzioni del caso (se siete pedoni basterà specificare con “andare a piedi a”. Infine, si potranno utilizzare i comandi vocali per creare eventi da aggiungere al calendario in Google Calendar (“crea un evento nel calendario”), o nel promemoria (“ricordami di” e la frase da ricordare).

Per gli allarmi, invece, niente di più semplice: “impostare l’allarme a” e specificare quando, mentre per le funzioni multimediali i comandi sono “mostrami le immagini di” seguito dal soggetto che desideriamo vedere, “voglio ascoltare” seguito dal nome dell’artista o dell’album che intendiamo sentire e molto altro ancora. Non resta che provare.

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato venerdì 04/07/14 alle ore 10:00 e classificato in Mobile & Tech » Hi-Tech . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

lunedì 05 dicembre 2016 13:24

  • Archivi