Mobile & Tech » Hi-Tech

L’innovazione passa per Oristano: partita la sperimentazione del bus senza autista

Visto che siamo in tempi di smart car, potevamo non aspettarci lo smart bus? E infatti, puntuale, è arrivata la conferma. Ma non da una metropoli ultra avanzata lontana mille miglia dal nostro Paese, bensì da Oristano. Infatti il capoluogo sardo è tra le sette città europee che partecipano al progetto City Mobil 2, per la sperimentazione dei sistemi innovativi di trasporto pubblico con veicoli automatici senza conduttore.

La fase operativa è cominciata da alcuni giorni, durerà per tutta l’estate, fino a settembre, e sarà realizzata a Torre Grande, sul lungomare Eleonora d’Arborea, con un percorso di sette fermate (circa 1 km). Il tragitto sarà coperto in circa 10 minuti, da due minibus a trazione elettrica da 12 posti. La velocità massima sarà limitata a 15 km/h per rispettare il carattere pedonale del lungomare e migliorare la sicurezza, mentre il cuore della novità consisterà nell’apparato GPS che manovrerà il volante, rispettando al centimetro la traiettoria studiata dai tecnici. Anche il sistema di sicurezza promette un sicuro interesse, grazie a uno scanner laser bidimensionale capace di rilevare qualunque anomalia sul percorso. L’alimentazione infine è assicurata da alcune batterie ricaricabili collegate anche a un software che tiene sempre sotto controllo i consumi. Quando la carica sta per esaurirsi la velocità si riduce e così il bus è in grado di tornare alla base senza il rischio di fermarsi a metà strada.

Il progetto City Mobil 2 nasce nel 2011, con una prima fase che proprio a Oristano ha riunito dodici città europee, ognuna delle quali ha elaborato un progetto per l’implementazione della sperimentazione dei veicoli in un ambiente urbano. Sette progetti sono stati selezionati per la realizzazione dei test dimostrativi. A conclusione della prima fase, a Vantaa, in Finlandia, sono stati comunicati i nomi delle sette città selezionate, tra cui Oristano, l’altra è Milano che effettuerà la sperimentazione all’EXPO 2015.

Il principale obiettivo del progetto, sarà verificare le prestazioni tecniche di questi sistemi di trasporto automatici senza guidatore in un ambiente reale. Altrettanto importante è verificare l’impatto di questi sistemi sull’ambiente circostante, in questo caso un’area pedonale molto frequentata, e l’apprezzamento da parte dell’utenza. L’esperimento gode della supervisione del Ministero dei Trasporti, del Centro trasporti e logistica dell’ Università “La Sapienza” di Roma, con la collaborazione della società MLab di Cagliari e del Comune di Oristano, nella prospettiva di una legislazione su misura che permetterà, un giorno, di far viaggiare questi veicoli nel traffico stradale.

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato martedì 15/07/14 alle ore 10:00 e classificato in Mobile & Tech » Hi-Tech . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Articoli correlati

Nessun articolo correlato.

Ultimi commenti

Vodafone promo

martedì 06 dicembre 2016 22:48

  • Archivi