Mondo Vodafone » Prodotti & Servizi

Massimo Fiorio: dai Queen al basso, oggi con Spotify non si perde neanche una novità

Massimo Fiorio si definisce “un addetto alle digital pr e tutte quelle robe che ruotano intorno ai social network”. Ma, nel tempo libero, ama occuparsi della musica, si dedica ai telefilm, ai videogame e “ad altre seimila cose”. Il legame con la musica sia ascoltata che suonata è fortissimo, visto che anche è uno dei fondatori e il bassita dei Canadians.

Come è nata la tua passione per la musica?
I primi ricordi legati alla musica sono il registratore a cassette di mio padre che passa in continuazione Beatles e Pink Floyd (diciamo quindi tra i 4 e i 10 anni) e i viaggi in camper con tantissimo Guccini, ancora Beatles e Pink Floyd, De Gregori, i Queen, Lucio Dalla. Di tutto questo, ho subito approfondito i Queen, non ascoltando praticamente altro fino ai 13/14 anni. Poi è arrivato il grunge e la voglia di suonare: l’acquisto della mia prima chitarra (e, poco dopo, del mio primo basso) si colloca temporalmente negli anni di Vs e Vitalogy dei Pearl Jam.

Qual è il tuo rapporto con la musica online?
In passato ho scaricato tantissima musica online, utilizzando di tutto, e a volte lo faccio ancora. Negli ultimi due anni ho provato tutti i servizi di streaming musicale possibili e immaginabili e alla fine ho optato per un abbonamento premium per uno di questi, scoprendo il piacere delle playlist offline sullo smartphone. Non so se mi convertirò totalmente a questo tipo di fruizione, visto che continuo a comprare cd e vinili, ma probabilmente
​non farò passi indietro.

Qual è stata la tua colonna sonora per il 2014?
L’ultimo disco degli Weezer credo di averlo ascoltato settecento volte, quindi è anche la mia scelta come colonna sonora.

Qual è il tuo podio dei primi tre album, un gruppi e playlist su Spotify?
Per album e gruppi direi: 1) Weezer – Everything will be alright in the end. 2) Alvvays – Alvvays. 3) Ozma – Boomtown. Come playlist su Spotify, invece, sicuramente “Dischi 2014” di mio fratello, l’unico modo per non perdermi nulla delle uscite di quest’anno.

Quali saranno secondo te le rivelazioni musicali del 2015?
In Italia punterei dei soldi su Any Other, la nuova band di Adele Nigro (ex Lovecats). Per l’estero non ne ho idea: mi affiderò sempre ai consigli di mio fratello e di quello che leggo su Twitter :)

Quali saranno invece le novità in merito a device e abitudini d’ascolto?
Già in questo periodo sto girando con delle cuffie minuscole e senza fili che contengono al loro interno tutta la musica che mi serve, quindi non saprei, a livello tecnologico, cosa potrebbe ulteriormente cambiare. Chip sottopelle? Continuo a preferire le cuffie. Abitudini d’ascolto? Quelle mi sembrano le stesse da sempre, cambiano solo i mezzi per arrivare alla musica.

Potete trovare Massimo Fiorio su Twitter e sul sito www.dietnam.net.

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato martedì 30/12/14 alle ore 10:00 e classificato in Mondo Vodafone » Prodotti & Servizi . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

sabato 10 dicembre 2016 11:52

  • Archivi