Mobile & Tech

Smartphone, tablet e pc: 1 persona su 3 li presta a familiari e figli, mai ad amici e colleghi

Regola numero uno su smartphone, tablet e pc: mai prestarli ad amici e colleghi. Si può fare eccezione per i familiari più stretti e per figli e nipotini: il 38% degli italiani lo fa, e tra questi - in particolare – il 33% li condivide con i propri parenti adulti e il 5% con i bambini, magari per farli stare buoni a casa o quando si è a cena fuori. È quanto emerge da una ricerca presentata da Kaspersky Lab e B2B International, a livello europeo, sull’utilizzo dei device.
Ma il dato che forse fa più riflettere è che prima di passare di mano il proprio dispositivo, 1 persona su 4 (24%) in Italia e quasi 1 su 3 (38%) nell’UE non si preoccupa di fare alcun backup o di inserire una password sui dati più sensibili. E nel complesso degli intervistati, appena il 18% evita di salvare su smartphone, tablet e pc da coordinate bancarie a user e password varie: in sostanza oltre l’80% si espone a grandi rischi…

“Condividere un computer o uno smartphone – sottolinea Morten Lehn, Managing Director di Kaspersky Lab Italia – aumenta il rischio di infezione malware, perdita di dati o furto di account ed è quindi importante prendere delle precauzioni: tenere sempre copie di backup dei file sensibili; eliminare le informazioni che non dovrebbero cadere nelle mani sbagliate, in particolare disabilitando la modalità di riempimento automatico; cercare di controllare i diritti di accesso degli utenti sul dispositivo e usare programmi che forniscano una protezione dalle minacce informatiche”.

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato martedì 20/01/15 alle ore 11:00 e classificato in Mobile & Tech . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

martedì 06 dicembre 2016 09:13

  • Archivi