Mobile & Tech » Apps & Games

Primo giocatore di calcio deferito per un messaggio su WhatsApp

Dalla distesa d’erba del campo di gioco al verde di WhatsApp. Giusto il tempo di festeggiare un ragguardevole traguardo, quello dei 100 gol nel campionato cadetto, che il bomber del Bologna Daniele Cacia ha di nuovo messo il suo nome negli annali del calcio – ma anche della tecnologia e del mobile – per un gesto fatto in punta di dita, più che di piedi appunto.

Essere deferito – è il primo caso nel calcio professionistico italiano – a causa di uno scambio di messaggi tramite WhatsApp, avuto con l’agente di calciatori Gianluca Fiorini. Contenuto “dal contenuto offensivo”, recita la decisione del procuratore federale aggiunto.
A finire nei guai anche Fiorini e, per responsabilità oggettiva, la squadra rossoblù che milita in Serie B. Giocatore, agente e società potranno però dire la loro in una prossima udienza, che potrebbe assolverli o anche, al contrario, determinare una multa e/o una squalifica.

Il caso ha avuto una forte eco sui media, non tanto per il diverbio in sé – comunque scongiurabile – quanto per la modalità in cui la trasmissione dei messaggi è avvenuta. E qui la tecnologia di sicuro ha dato un aiuto fondamentale a far mantenere le distanze… evitando guai peggiori a entrambi i protagonisti. E chissà che il prossimo capitolo della querelle non sia invece quello di messaggi di scuse reciproci.

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato giovedì 19/02/15 alle ore 17:15 e classificato in Mobile & Tech » Apps & Games . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

sabato 10 dicembre 2016 21:28

  • Archivi