Mobile & Tech

Apple: ecco i nuovi Smartwatch e MacBook 2015

In un colpo solo Apple ha svelato ufficialmente una novità assoluta Apple Watch – il suo primo smartwatch – e un classico che avanza e si rinnova: il MacBook 2015 che prende il posto del MacBook Air. Scopriamone alcune caratteristiche insieme agli amici di Ridble.com che si sono sintonizzati ieri sera con la conferenza stampa live dallo Yerba Buena Center for the Arts di San Francisco.

Partiamo dall’APPLE WATCH: a supportarlo c’è innanzitutto iOS 8.2, la nuova release del sistema operativo mobile di Cupertino disponibile da ieri. Il nuovo iDevice per il momento non sarà disponibile sul mercato italiano e questi sono i tre modelli e relativi prezzi annunciati in USA: si va dalla versione Sport in alluminio da 38 mm con i suoi 349 dollari a quella da 42 mm e 399 dollari. La versione Regular in acciaio varierà in base alla tipologia di cinturino tra i 549 e i 1.049 dollari per la versione da 38 mm e tra 599 e 1.099 dollari per quella da 42 mm. L’Apple Watch Edition in oro, invece, verrà venduto in versione limitata e in pochi centri selezionati a ben 10.000 dollari.
Trattandosi di un device che va indossato, che “non si porta con sé, ma su di sé”, è senza dubbio vero che questo punto diventa di importanza fondamentale.
Tim Cook, ceo della casa di Cupertino, ha mostrato varie watchface che si possono impostare, da quelle più semplici e formali, a quelle più divertenti, come quella di Mickey Mouse, tutte personalizzabili con informazioni aggiuntive, come orari di diversi fusi, cronometro o reminder per gli appuntamenti importanti. Molto interessante anche la modalità Glances, che permette di accedere in maniera rapida alle informazioni fondamentali, come il battito cardiaco, ma anche appuntamenti giornalieri, meteo e dati di varia natura. Simpatica la possibilità di comunicare in maniera veloce direttamente tra un orologio e l’altro utilizzando i disegni – Digital Touch.
Passiamo però ad uno degli aspetti più importanti per uno smartwatch: le notifiche. Apple Watch permetterà di ricevere e leggere tutte le notifiche che arrivano sul proprio iPhone direttamente al polso. Premendo la corona laterale inoltre si potrà accedere a Siri, che permetterà quindi di interagire in maniera molto più completa e versatile con il dispositivo. Tramite l’assistente vocale potremmo infatti programmare appuntamenti o richiedere informazioni che verranno mostrate direttamente sullo schermo del terminale
Non manca poi l’integrazione con il noto servizio di pagamento Apple Pay. Tramite un doppio tap sul bottone laterale potremo attivare il sistema e, quando disponibile, pagare utilizzando l’Apple Watch, senza dover tirare fuori non solo il portafogli, ma neanche il proprio smartphone. Abbiamo anche assistito alla dimostrazione di come si presentato e funzionano diverse app importanti sul wearable di casa Apple, tra cui social come Twitter o Instagram, ma anche applicazioni di utilItà quali Uber, che ci permette di prenotare un passaggio direttamente dal polso, o Shazam, che è in grado di sfruttare il microfono integrato per ascoltare e riconoscere le canzoni senza estrarre l’iPhone di tasca.
Infine la batteria che, stando a quanto dichiarato, dovrebbe garantire fino a 18 ore di utilizzo medio.

Apple ha mostrato al pubblico anche la nuova versione di quello che un tempo era il MacBook Air. Si parla al passato perché anche la nomenclatura del nuovo peso piuma con la mela sul retro, cambia nome ediventa unicamente MacBook. Arriva, a tutti gli effetti, il nuovo MACBOOK2015. Schermo super definito, nuove colorazioni (3), si perde il simbolo della Mela retroilluminato per dare posto ad un logo nero opaco come per l’iPad, tastiera full-size e trackpad davvero molto molto generoso.
Tutto all’interno di un device ancora più sottile di quanto non lo fosse precedentemente e con un peso di appena 900 grammi. È sottile 13,1 mm al contrario dei vecchi 17,3 mm (il 24% più sottile); la cornice di plastica che connette lo schermo al case scompare per dare posto ad un case completamente in metallo. La tastiera è full-size ed è completamente rinnovata (era già una delle migliori e non osiamo immaginare quanto sia ancora più comodo scriverci sopra). Monta il meccanismo “butterfly” per una scrittura più rapida e precisa in una componente molto più sottile e responsiva rispetto ai precedenti. Cambia anche la retroilluminazione che diventa adesso più precisa e chiara tramite la presenza di un unico LED per ogni tasto.
Il display da 12” è Retina Display con 2304 x 1440 pixel ed un pannello da 0,88 mm (il più sottile di tutta la gamma Mac) e ogni pixel consuma il 30% in meno di corrente rispetto la precedente versione.
Il trackpad abbandona il meccanismo fisico e monta il nuovo force touch trackpad con quattro sensori di pressione e un engine taptic (lo stesso presente nell’Apple Watch) che rende la pressione più precisa e su ogni bordo della superficie. La caratteristica più importante è la capacità di OS X Yosemite di riconoscere la quantità di pressione esercita per offrire all’utente differenti risultati in base all’applicazione che si utilizza (in Mail con una pressione forte su un indirizzo si attiva direttamente la visualizzazione dell’indirizzo su Mappe). Le batterie sono il 35% in più rispetto alla precedente versione e dovrebbero garantire un’autonomia di un giorno intero (9 ore di browsing wireless e 10 ore di riproduzione su iTunes).
MacBook 2015 è disponibile in tre colorazioni: Silver, Space Gray e Gold (come per iPhone e iPad), sarà disponibile dal 10 Aprile (data USA) ad un prezzo annunciato di 1.499 dollari per il modello base e 1.829 dollari per la versione con 512 GB di hard disk SSD.

In collaborazione con Ridble.

Nessun commento
Questo articolo è stato pubblicato martedì 10/03/15 alle ore 09:30 e classificato in Mobile & Tech . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

sabato 10 dicembre 2016 11:46

  • Archivi