Web & Social » Social Media

Giornata mondiale della password: 10 cose da sapere per scegliere quella giusta

Domenica 7 maggio si celebra la Giornata mondiale della password (#World PasswordDay2017), dedicata a sensibilizzare gli utenti sull’importanza di scegliere le “chiavi” più efficaci e sicure possibile, così da proteggere al meglio la propria privacy e tutti i dati più sensibili. Di seguito una top 10 di regole da seguire o assolutamente da evitare…

1) Intanto iniziamo subito con il ripetere come la password più utilizzata al mondo, sia anche una delle meno sicure. Molti lo sanno, tanti altri non ci crederanno, ma il codice più utilizzato nel pianeta da diversi anni – compreso il 2016 – è 123456! Ovviamente il punto esclamativo lo abbiamo messo noi per rimarcare questa “follia” collettiva.
2) Il National Institute of Standards and Technology ha stravolto le regole base in materia: non è vero che cambiare spesso la password è utile a proteggersi.
3) Ancora, gli esperti statunitensi sottolineano come a essere più utilizzati sono i numeri 1, 2 e 3 e il punto esclamativo (!). Quindi, meglio evitare di usarli.
4) No alle password semplici: molti siti danno già consigli (colore rosso, giallo o verde) sull’effettiva “banalità” della sequenza scelta. Il NIST consiglia alle grandi aziende del web addirittura di fare una black list di quelle più semplici e proibirne l’utilizzo.
5) Più una password è lunga più è sicura. Edward Snowden suggerì tempo fa una sequenza del tipo “margaretthatcheris110%SEXY”. Lettere minuscole e maiuscole, numeri, simboli. Molto meglio una sequenza di questo genere, che una di cifre e numeri difficilissimi da ricordare. E in tal senso non bisogna avere paura di andare anche oltre i 30 caratteri.
6) Visto che gli hacker nella ricerca utilizzano le parole esistenti, è utile inserire volutamente anche qualche errore grammaticale, così da rendere ancora più sicura la nostra difesa.
7) Le emoji sono un’altra arma dalla nostra parte. I vecchi servizi non le supportano, ma sono sempre di più quelli che permettono questa opzione.
8 ) Evitare assolutamente di scrivere le nostre “chiavi” di accesso in un file, magari chiamandolo anche “password.doc
9) Non condividere le nostre password con nessuno. Amici, parenti, fidanzati e via dicendo. Anche se in base a recenti ricerche circa il 50% degli utenti non ha problemi a farlo. La questione non è però non fidarsi, ma semplicemente evitare di dare più possibilità agli hacker di entrare nella nostra vita.
10) Evitare di registrarsi a un sito attraverso i social (social login): chi entra in possesso della nostra password del social media, poi avrà accesso a tutti gli altri siti a esso collegati.

Commenti (1)
Questo articolo è stato pubblicato venerdì 05/05/17 alle ore 17:20 e classificato in Web & Social » Social Media . E' possibile seguire tutte le repliche a questo articolo tramite il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, oppure fare il trackback dal tuo sito.

Lascia un tuo commento

News scelte per te
x

Ultimi commenti

Vodafone promo

mercoledì 18 ottobre 2017 07:45

  • Archivi